Mafia: "boss pezzo di m..." non e' diffamazione, cronista assolto

(AGI) - Trapani, 7 giu. - E' stato assolto dal Tribunale di Trapani il giornalis...

(AGI) - Trapani, 7 giu. - E' stato assolto dal Tribunale di Trapani il giornalista Rino Giacalone, imputato per aver apostrofato il boss Mariano Agate come "un pezzo di merda". L'accusa era quella di diffamazione a mezzo stampa e l'assoluzione e' stata disposta dal giudice Gianluigi Visco in base all'articolo 21. Il procedimento era scaturito dalle denunce di Rosa Pace, vedova di Mariano Agate, capomafia di Mazara del Vallo deceduto per cause naturali nell'aprile 2013. Il processo ha ripercorso il curriculum criminale di Agate, membro della cosiddetta commissione regionale di Cosa Nostra, condannato all'ergastolo per mafia, attivo nella raffinazione e nel traffico di sostanze stupefacenti ed iscritto alla nota loggia massonica Iside 2. In seguito al decesso il questore di Trapani ne aveva vietato i funerali pubblici ed anche il Vescovo di Mazara del Vallo, Domenico Mogavero aveva rifiutato i funerali religiosi. In quei giorni Giacalone, attraverso un articolo pubblicato sul portale Malitalia.it, aveva ricostruito i trascorsi di Mariano Agate concludendo che come la sua morte togliesse alla Sicilia la presenza di "un gran bel pezzo di merda". Durante la requisitoria il pm Franco Belvisi aveva chiesto la condanna del giornalista ricordando che "nessuna norma prevede particolari eccezioni per i consociati mafiosi". I legali di Giacalone hanno citato una folta giurisprudenza, affermando come "quanto e' piu' noto il soggetto di cui si scrive, tanto piu' ampia puo' essere la latitudine di criticita'". La sentenza e' stata accolta da don Luigi Ciotti, da un gruppo di attivisti di Libera e dai familiari di Mariano Agate, riconosciuti come parti civili nel procedimento. (AGI)
.