Fisco: notaio evasore a Catania, scatta sequestro da un mln

(AGI) - Catania, 15 set. - I finanzieri del Comando Provincialedi Catania hanno sottoposto a sequestro preventivo circa unmilione di euro, a carico del notaio Marco Cannizzo, per reatitributari. Tutto e' partito da una verifica fiscale condottadal Nucleo di Polizia Tributaria di Catania ricostruendo unaconsistente evasione realizzata attraverso il mancato rilasciodi fatture ai propri clienti. L'attivita' ispettiva si e'conclusa con la segnalazione all'Agenzia delle entrate delleviolazioni commesse dal professionista il quale ha aderito alverbale di constatazione, istituto tributario che permette dichiudere immediatamente l'accertamento, beneficiando dellariduzione delle sanzioni e della

(AGI) - Catania, 15 set. - I finanzieri del Comando Provincialedi Catania hanno sottoposto a sequestro preventivo circa unmilione di euro, a carico del notaio Marco Cannizzo, per reatitributari. Tutto e' partito da una verifica fiscale condottadal Nucleo di Polizia Tributaria di Catania ricostruendo unaconsistente evasione realizzata attraverso il mancato rilasciodi fatture ai propri clienti. L'attivita' ispettiva si e'conclusa con la segnalazione all'Agenzia delle entrate delleviolazioni commesse dal professionista il quale ha aderito alverbale di constatazione, istituto tributario che permette dichiudere immediatamente l'accertamento, beneficiando dellariduzione delle sanzioni e della possibilita' di rateizzare ildebito con l'Erario. Parallelamente, il professionista e' statodenunciato per dichiarazione fiscale infedele. Il costantemonitoraggio svolto dai finanzieri, ha successivamenteconsentito di scoprire come il professionista si fosse limitatoa versare solo la prima rata prevista dal piano dirateizzazione, adempimento necessario per poter accedere aibenefici. Considerato che tale comportamento ha determinato ilvenir meno di ogni garanzia circa il saldo del debitotributario, la Procura ha richiesto e ottenuto dal Tribunaleetneo l'emissione di un provvedimento cautelativo di tutti ibeni nella disponibilita' del professionista fino alraggiungimento del debito erariale residuo. Sono stati,pertanto, sottoposti a sequestro 16 rapporti finanziari consaldi attivi per 955.000 euro e quote di una societa'immobiliare ragusana per i residui 8.000 euro. (AGI).