Crisi: card. Romeo, politici non inseguano proprio tornaconto

(AGI) - Palermo, 25 giu. - L'arcivescovo di Palermo Paolo Romeorivolge un invito "agli amministratori e ai cittadini onesti evolenterosi" a impegnarsi "su logiche di vero interesse perl'altro, di stare lontani dall'indifferenza e dal personaletornaconto, di mettere a disposizione doni e capacita' per unautentica rinascita". Il cardinale interviene prendendo spuntodalle emergenze cittadine: da qui la richiesta, "in una logicadi dedizione", di ascoltare "il grido dei tanti disoccupati, ditante famiglie che si ritrovano, anche avanti con l'eta', avivere di lavori precari o a sopravvivere attraversoammortizzatori sociali che tamponano situazioni senzarisolverle".

(AGI) - Palermo, 25 giu. - L'arcivescovo di Palermo Paolo Romeorivolge un invito "agli amministratori e ai cittadini onesti evolenterosi" a impegnarsi "su logiche di vero interesse perl'altro, di stare lontani dall'indifferenza e dal personaletornaconto, di mettere a disposizione doni e capacita' per unautentica rinascita". Il cardinale interviene prendendo spuntodalle emergenze cittadine: da qui la richiesta, "in una logicadi dedizione", di ascoltare "il grido dei tanti disoccupati, ditante famiglie che si ritrovano, anche avanti con l'eta', avivere di lavori precari o a sopravvivere attraversoammortizzatori sociali che tamponano situazioni senzarisolverle". Gli amministratori, sembra dire Romeo, predanoesempio dai palermitani capaci di "un'accoglienza appassionatadei tanti immigrati sbarcati sulle nostre coste: una vera epropria gara di solidarieta', una staffetta di carita' che havisto aprirsi a questi fratelli non soltanto spazi perospitarli, ma soprattutto mani e cuori per abbracciarne ildolore e servire le necessita'". (AGI).