Comuni: in centro del Siracusano dimissioni in massa contro tagli

(AGI) - Palermo, 27 feb. - I consiglieri comunali e ilpresidente del Consiglio di Mirabella Imbaccari (Siracusa) sisono dimessi "irrevocabilmente dalla carica in segno diprotesta contro il governo centrale, i rappresentanti allaCamera e al Senato, con particolare riferimento a quellisiciliani, e il governo regionale, invitando tutti gli altriconsigli comunali dell'Isola a fare la stessa cosa se nulla, diqui a breve, cambiera'". Un gesto che si inquadra nellamobilitazione lanciata dall'Anci Sicilia con l'hashtag#TagliComuni. E solidarieta' arriva dai vertici regionalidell'Associazione dei Comuni, il presidente Leoluca Orlando eil segretario generale Mario Emanuele

(AGI) - Palermo, 27 feb. - I consiglieri comunali e ilpresidente del Consiglio di Mirabella Imbaccari (Siracusa) sisono dimessi "irrevocabilmente dalla carica in segno diprotesta contro il governo centrale, i rappresentanti allaCamera e al Senato, con particolare riferimento a quellisiciliani, e il governo regionale, invitando tutti gli altriconsigli comunali dell'Isola a fare la stessa cosa se nulla, diqui a breve, cambiera'". Un gesto che si inquadra nellamobilitazione lanciata dall'Anci Sicilia con l'hashtag#TagliComuni. E solidarieta' arriva dai vertici regionalidell'Associazione dei Comuni, il presidente Leoluca Orlando eil segretario generale Mario Emanuele Alvano, che invitano idimissionari e il sindaco di Mirabella Imbaccari, VincenzoMarchingiglio, a partecipare al Consiglio regionale dell'Anciil prossimo 10 marzo. Il Consiglio comunale di MirabellaImbaccari il 9 febbraio aveva approvato la delibera predispostadall'Anci Sicilia "contro il mancato avvio di riformefondamentali, la gravissima crisi economico-finanziaria deicomuni siciliani e i tagli del governo nazionale e regionalealle risorse destinate agli enti locali". Orlando e Alvanoricordano "che oltre 200 comuni dell'Isola hanno approvato ladelibera contro i tagli del governo nazionale e regionale ecio' dimostra come l'allarme lanciato dalla nostra Associazionesia fortemente sentito e come sottolinei una situazione ormaiinsostenibile". (AGI).