Carbonizzato e con le mani mozzate: 2 arresti nel Palermitano

(AGI) - Palermo, 8 ott. - I carabinieri della Compagnia diMisilmeri hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare incarcere nei confronti di Giuseppe Correnti, 51enne, e PasqualeMerendino, 33enne, entrambi di Misilmeri, ritenuti responsabilidell'omicidio e della distruzione del cadavere di MassimilianoMilazzo (all'epoca 26enne), il cui corpo, carbonizzato e con lemani mozzate, era stato trovato il 30 giugno 2013 nellecampagne del paese del Palermitano. Il provvedimento e' statoemesso dal Gip del Tribunale di Palermo su richiesta dellaProcura distrettuale di Termini Imerese. Il movente e' statoricondotto all'atteggiamento irriguardoso che Milazzo avrebbeassunto nei confronti

(AGI) - Palermo, 8 ott. - I carabinieri della Compagnia diMisilmeri hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare incarcere nei confronti di Giuseppe Correnti, 51enne, e PasqualeMerendino, 33enne, entrambi di Misilmeri, ritenuti responsabilidell'omicidio e della distruzione del cadavere di MassimilianoMilazzo (all'epoca 26enne), il cui corpo, carbonizzato e con lemani mozzate, era stato trovato il 30 giugno 2013 nellecampagne del paese del Palermitano. Il provvedimento e' statoemesso dal Gip del Tribunale di Palermo su richiesta dellaProcura distrettuale di Termini Imerese. Il movente e' statoricondotto all'atteggiamento irriguardoso che Milazzo avrebbeassunto nei confronti di alcuni membri della famigliaMerendino, spacciando droga nei pressi delle loro abitazioni ecommettendo furti, rifiutando di non farso vedere in zona comeintimatogli. L'autopsia ha riscontrato la frattura dellaclavicola e della mandibola, pertanto era evidente che primadella morte l'uomo era stato picchiato con violenza. Il tagliodelle mani - mutilazione di valore simbolico che rievoca lapunizione inflitta ai ladri - sarebbe stato praticato con unazappa. (AGI).