Serie A: Chievo batte in rimonta 2-1 il Torino

Roma - Fortunato, determinato e mai domo il Chievo di Maran sbanca l'Olimpico e in rimonta batte meritatamente, per 2-1, un Torino, alla quarta sconfitta interna consecutiva, che era passato in vantaggio nella prima frazione di gara grazie alla rete di Benassi ma che, dopo il pareggio clivense, su autogol di Bruno Peres, non ha piu' saputo reagire subendo poi il rigore decisivo di Birsa. Ventura, a secco di vittorie da quattro turni, opta per il 3-5-2 e presenta sulle fasce dall'inizio Bruno Peres e Avelar con Belotti e Immobile coppia d'attacco confermatissima. Dall'altra parte, Maran, dopo le sconfitte con Lazio, Juventus e Inter, ritrova Dainelli al centro della difesa e, confermato il 4-3-1-2, schiera Birsa alle spalle di Inglese e M'Poku, con il nuovo arrivato Floro Flores in panchina. La gara inizia su ritmi blandi e la prima conclusione, al 4', arriva su una conclusione da fuori area di M'Poku che calcia bene ma manda il pallone alto sopra la traversa. Sornione, il Torino sembra subire l'iniziale verve offensiva degli ospiti che pero', al 19', vanno in svantaggio: ripartenza sulla sinistra di Avelar che trova Immobile, bravo a cercare il fondo per poi servire al centro dell'area Benassi che centra la porta di prima intenzione per l'1-0 granata. Incassato il gol, l'undici di Maran prova a rialzare il proprio baricentro, ma, al 28', rischia grosso con Immobile che, su sponda di Belotti a pochi passi da Seculin, prima viene stoppato da Dainelli e sulla ribattuta seguente manda clamorosamente il pallone alto. Scampato il pericolo il Chievo si riversa prepotentemente in area granata e, complice un po' di fortuna, al 34', arriva la rete dell'1-1 con Bruno Peres che, nel tentativo di anticipare Castro su assist di Inglese, tocca il pallone con la punta del piede anticipando Padelli che non puo' far nulla per impedire l'autogol. Al ritorno in campo, il Chievo prova subito a rendersi pericoloso e, dopo appena quattro minuti, M'Poku libera Birsa che dal limite dell'area calcia di prima intenzione ma Moretti si immola e il pallone finisce alto sopra la traversa. La risposta del Toro arriva, al 13', Bruno Peres che in percussione serve Immobile che libera Benassi che, defilato sulla destra, dal limite dell'area cerca il palo piu' lontano, ma il pallone esce di poco a lato. Ribattuta l'offensiva granata, il Chievo prova in ripartenza a sorprendere la retroguardia avversaria e, al 25', ingenuamente Avelar interviene su Castro: Rocchi non ha dubbi e indica immediatamente il dischetto del rigore. Dagli undici metri si presenta Birsa che spiazza per ben due volte Padelli per il gol del vantaggio gialloblu'. La reazione del Toro e' rabbiosa ma poco lucida e l'unico pallone utile al pareggio prima del triplice fischio arriva sui piedi di Immobile, al 37', che sugli sviluppi di un corner stoppa e calcia il pallone ma senza inquadrare la porta da buona posizione. Il Toro perde ancora e il pubblico granata fischia. (AGI)