Trasporti:Regione Sardegna,open data e app per migliorare servizi

(AGI) - Cagliari, 10 mag. - La Regione utilizza la "e-democracy", gli "open data...

(AGI) - Cagliari, 10 mag. - La Regione utilizza la "e-democracy", gli "open data" e la creativita' dei giovani operatori informatici dell'isola per migliorare i trasporti interni in Sardegna. In pratica l'amministrazione, tramite appostite convenzioni con porti, aeroporti e operatori del settore, ha accumulato tutte le informazioni sui servizi offerti mettendoli a disposizione con un formato unico e certificato di start up cher hanno creato app e siti per fornire informazioni su come arrivere e spostarsi in Sardegna. A cio' si aggiunge "Segnala un disservizio" che consente di conoscere le falle del sistema intervenire con azioni immediate o con una diversa programmazione dei servizi. Si tratta di un progetto del Sistema informativo dell'assessorato dei Trasporti, Sitra, in attuazione dell'Agenda digitale della Sardegna. Con la delibera adottata dalla Giunta regionale il 3 maggio scorso, in base anche ai risultati positivi ottenuti con la pubblicazione degli open data sul trasporto pubblico locale a partire da settembre 2016, la Regione intende, tra l'altro, promuovere l'apertura dei dati anche per i collegamenti nazionali e internazionali, marittimi e aerei, creando un sistema unico di accessibilita' in cooperazione con le societa' di gestione degli scali. "E' un inarrestabile movimento verso la e-democracy: attraverso l'uso della tecnologia e' possibile condividere conoscenza", dice l'assessore dei Trasporti, Massimo Deiana: "Tuttavia alla facilita' di comunicazione non sempre corrisponde nella pratica una disponibilita' di dati reali e aggiornati. Per superare questa lacuna, l'assessorato dei Trasporti ha costruito un progetto importante che si e' concretizzato nel travel planner in Rete, utile per pianificare il viaggio, e valutare le coincidenze, nello strumento con cui gli utenti possono segnalare i disservizi e in diverse applicazioni innovative, basate sui dati aperti della nostra struttura, gia' scaricabili". Gli utenti hanno quindi a disposizione il "Travel planner", possono segnalare un disservizio on-line nonche' utilizzare gia' tre applicazioni fruibili sugli smartphone e realizzate a costo zero elaborando i contenuti dell'assessorato dei Trasporti, alle quali si somma l'operativita' del portale Moovit. Il "Travel planner", servizio on-line nel portale SardegnaMobilita' consente di cercare le migliori soluzioni di viaggio per gli spostamenti da e per la Sardegna, in nave o in aereo, integrati con i mezzi di trasporto pubblico all'interno dell'isola e con le isole minori. Selezionando l'origine e la destinazione dello spostamento verranno visualizzati i risultati con l'indicazione degli orari e dei servizi. Sempre dal portale SardegnaMobilita' e' possibile accedere a "Segnala un disservizio" che consente di indirizzare le segnalazioni contemporaneamente all'azienda di trasporto e alla Regione. "Il sistema, promosso in tutti i mezzi e le fermate del trasporto pubblico isolano, sta riscuotendo molto interesse", ha spiefgato l'assessore: "In circa tre mesi di sperimentazione, il servizio ha ricevuto circa 200 segnalazioni e le prime statistichesuggeriscono i parametri di qualita' piu' sentiti dagli utenti: al 39,4 per cento si chiede piu' attenzione verso orari e percorsi, al 29,5 riguardo allo stato del mezzo, i rapporti con gli utenti sono oggetto delle segnalazioni nel 21,8 per cento dei casi mentre fermate, stazioni e infrastrutture nel 5,9 per cento". Sono anche state presentate le app che utilizzano gli open data della Regione per offrire informazioni su come muoversi in Sardegna. "Geonue Transit" e' un progetto realizzato da Nordai srl - una startup nata nel 2013 in Sardegna - sulla piattaforma GeoNue. L'applicativo e' stato realizzato grazie all'utilizzo dei dati Open Source e dello stradario OpenStreetMap, un prototipo che consente di conoscere i percorsi e gli orari dei mezzi pubblici sardi. Con l'applicazione e' possibile visualizzare anche le mappe temporali (isocrone) che descrivono l'accessibilita' del territorio con i mezzi pubblici. "Sardegnatrasporti bot", realizzata dall'informatico sardo Matteo Enna, sfrutta Telegram, un servizio di messaggistica open source. Inviando la propria posizione, il programma restituisce l'elenco delle fermate del trasporto pubblico locale extraurbano terrestre, nelle vicinanze dell'utente, con gli orari di Arst, Trenitalia e compagnie private. "Orari Arst" e' un'applicazione per cellulari realizzata da Mattia Setzu - anche lui giovane informatico sardo - che permette di visualizzare i servizi dell'Arst con orari, tratte, tariffe e news provenienti dal sito aziendale. Corse, orari e fermate, per tutte le modalita' di trasporto regionale - gomma, ferro e mare - sono inoltre su "Moovit", applicazione per cellulari dedicata specificamente al trasporto pubblico, leader nel mondo nel settore, presente in 67 paesi, 1200 citta', disponibile in 44 lingue, che conta 50 milioni di utenti, 3 milioni solo in Italia. (AGI)
Sol