Regione: Tar respinge ricorso Cagliari Calcio, convenzione nulla

(AGI) - Cagliari, 23 set. - La convenzione stipulata nel 2013tra l'Agenzia regionale "Sardegna Promozione" e la societa'Cagliari Calcio e' nulla. Lo ha stabilito il TAR della Sardegnain una sentenza depositata questa mattina, con la quale harespinto il ricorso presentato dalla societa' che contestaval'annullamento in autotutela del provvedimento che prevedeva laconvenzione che prevedeva l'"Attivita' di Promozione dellaSardegna nell'ambito del completamento del campionato nazionaledi serie A 2012/2013 ed avvio/realizzazione del pianopromozionale relativo alla stagione agonistica 2013/2014". L'Agenzia Governativa Regionale "Sardegna Promozione" erarappresentata e difesa dagli avvocati Mauro Barberio e StefanoPorcu,

(AGI) - Cagliari, 23 set. - La convenzione stipulata nel 2013tra l'Agenzia regionale "Sardegna Promozione" e la societa'Cagliari Calcio e' nulla. Lo ha stabilito il TAR della Sardegnain una sentenza depositata questa mattina, con la quale harespinto il ricorso presentato dalla societa' che contestaval'annullamento in autotutela del provvedimento che prevedeva laconvenzione che prevedeva l'"Attivita' di Promozione dellaSardegna nell'ambito del completamento del campionato nazionaledi serie A 2012/2013 ed avvio/realizzazione del pianopromozionale relativo alla stagione agonistica 2013/2014". L'Agenzia Governativa Regionale "Sardegna Promozione" erarappresentata e difesa dagli avvocati Mauro Barberio e StefanoPorcu, mentre la Cagliari Calcio Spa era rappresentata e difesadagli avvocati Walter Marini, Alberto Porzio, Carlo Cerami eAlessio Vinci. Il provvedimento con cui il commissariostraordinario di Sardegna promozione, Cinzia Laconi, avevarisolto il 22 ottobre del 2014 la convenzione - che prevedevaun importo di un milione 950mila euro - era stato adottato "pergrave inadempimento tale da far ricadere l'azione nel divietodi sponsorizzazione rendendo indirettamente l'oggettoconvenzionale illecito". I giudici amministrativi hanno orariconosciuto la correttezza dell'operato del commissario,accertando che l'accordo stipulato rientrava nei canoni dellasponsorizzazione, esplicitamente vietata alle amministrazionipubbliche dalle norme in materia, e dunque bene ha fatto ilcommissario ad annullarlo. (AGI)Red/Sol