Province: Regione, Stato riassegni risorse alla Sardegna

(AGI) - Cagliari, 11 ott. - "Lo Stato riassegni alla Regione le risorse che eran...

(AGI) - Cagliari, 11 ott. - "Lo Stato riassegni alla Regione le risorse che erano destinate alle Province sarde, alla luce della legge regionale n. 2/2016 che ha sancito la riallocazione delle loro funzioni non fondamentali a favore di altri enti territoriali della Sardegna. Tali risorse vanno urgentemente riassegnate alle Province e alla Citta' metropolitana di Cagliari". E' la richiesta che la Giunta regionale ha rivolto al Governo nazionale. L'assessore degli Enti locali Cristiano Erriu ha ricordato che "la legge 2/2016 ha ridisegnato il sistema istituzionale locale secondo i principi costituzionali di decentramento e di adeguatezza, valorizzando il ruolo dei Comuni e delle loro forme associative, le Unioni di Comuni. Inoltre, ha soppresso le quattro Province istituite nel 2001 e stabilito di riallocare le funzioni non fondamentali provinciali verso le Unioni di Comuni e, in misura minore, verso la Regione. A seguito dell'entrata in vigore della legge, la Giunta regionale e' impegnata a dare attuazione al riordino che prevede una procedura complessa con il trasferimento di funzioni e la conseguente riallocazione di personale e risorse".
"Il percorso di innovazione organizzativa - ha sottolineato ancora l'assessore Erriu - incontra non poche difficolta', in particolar modo sotto il profilo delle risorse a disposizione e del personale. I dipendenti provinciali sardi si sono ridotti a poco piu' di 1.100 unita' e le casse degli enti di area vasta hanno subito consistenti tagli. Il concorso al contenimento della spesa pubblica delle Province sarde e della Citta' metropolitana di Cagliari per l'anno corrente e' di 68 milioni 361mila euro. Poiche', come stabilito dalla legge n. 190/2014, il contributo delle Province e Citta' metropolitane italiane per il 2017 si aggira intorno ai 3 miliardi di euro, e' presumibile attendersi un contributo a carico delle Province sarde e della Citta' metropolitana di Cagliari di 102 milioni 542mila euro. Un impegno che non sarebbe sopportabile dalle esauste finanze degli enti locali sardi di secondo livello, e che non consentirebbe di garantire una qualita' elevata di funzioni e servizi a favore dei cittadini, in quanto essi dipendono dalle scelte allocative delle risorse degli enti di area vasta", ha concluso Erriu. (AGI)
Red/Sol