Immigrati: prefettura Oristano cerca strutture per accoglienza

(AGI) - Oristano, 18 giu. - In provincia di Oristano, come nelresto della Sardegna, servono ulteriori strutture di primaaccoglienza, oltre quelle gia' occupate, per l'arrivo dimigranti nel territorio nazionale. La prefettura di Oristano ha predisposto un avviso per acquisire le manifestazioni diinteresse delle strutture ricettive interessate appunto adospitare gli stranieri che saranno destinati alla Sardegna.L'avviso e' pubblicato nel sito internet istituzionale, nellasezione bandi di gara e contratti. Nell'avviso sono indicatiservizi e prestazioni richieste, caratteristiche dellestrutture e compenso previsto, pari a un massimo di 33 euro +Iva al giorno. L'importo include, oltre

(AGI) - Oristano, 18 giu. - In provincia di Oristano, come nelresto della Sardegna, servono ulteriori strutture di primaaccoglienza, oltre quelle gia' occupate, per l'arrivo dimigranti nel territorio nazionale. La prefettura di Oristano ha predisposto un avviso per acquisire le manifestazioni diinteresse delle strutture ricettive interessate appunto adospitare gli stranieri che saranno destinati alla Sardegna.L'avviso e' pubblicato nel sito internet istituzionale, nellasezione bandi di gara e contratti. Nell'avviso sono indicatiservizi e prestazioni richieste, caratteristiche dellestrutture e compenso previsto, pari a un massimo di 33 euro +Iva al giorno. L'importo include, oltre al vitto, che dovra' essererispettoso dei principi e delle abitudini alimentari degliospiti, l'alloggio, la gestione amministrativa degli ospiti,l'assistenza generica alla persona, compresa la mediazionelinguistica, l'informazione e il primo orientamento el'assistenza alla formalizzazione della richiesta di protezioneinternazionale. Ancora, il servizio di pulizia, la fornitura dibiancheria e abbigliamento adeguato alla stagione, prodotti perla igiene, il "pocket money" di 2,50 euro al giorno per ogniospite e una ricarica telefonica di 15 euro all'ingresso. (AGI)Or1/Rob

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it