Droga: smantellata banda spacciatori nel Cagliaritano, 5 in cella

(AGI) - Cagliari, 11 ott. - I carabinieri hanno smantellato un'organizzazione ch...

(AGI) - Cagliari, 11 ott. - I carabinieri hanno smantellato un'organizzazione che produceva e spacciava droga nel Cagliaritano. Cinque le persone finite in cella e due ai domiciliari mentre per altre sette il giudice delle indagini preliminari Giampaolo Casula, su richiesta del pm Rossana Allieri, ha disposto la misura di presentazione alla polizia giudiziaria. Per altre sei persone, coinvolte nell'indagine, il gip - hanno spiegato il comandante del reparto operativo del comando provinciale maggiore Ivan Giorno - non ha ritenuto necessaria alcuna misura cautelare. I militari del nucleo investigativo del comando provinciale di Cagliari, guidati dal maggiore Michele Cappa, supportati dai Cacciatori di Sardegna, hanno arrestato Pietro Piccioni, 46 anni di Quartu, ritenuto il principale esponente dell'organizzazione quale produttore e fornitore della droga; Riccardo Aliberti, 42 anni di Sestu, e Davide Porcu, 40 anni di Sestu, anche loro ritenuti ai vertici dell'organizzazione con il compito di organizzare lo spaccio. Un'ordinanza di custodia cautelare e' stata invece notificata in carcere, a Nuoro, a Fausto Cadelano, 58 anni di Quartucciu, ritenuto il braccio destro di Aliberti. In manette anche un indagato 'minore' nel cui terreno, durante una perquisizione effettuata stamane, e' stato trovato un fucile con la matricola abrasa. Altri due 'aiutanti' dei personaggi ai vertici dell'organizzazione sono finiti agli arresti domiciliari. L'operazione, denominata "Oristano", dal luogo in cui e' stata avviata, tra il 2010 e il 2012, aveva portato in una prima fase all'arresto di sette persone e al sequestro di 45 chili di hashish. Secondo gli inquirenti "il flusso di stupefacente", quasi tutto coltivato in Sardegna con rari casi di importazione di hashish dal Marocco attraverso Spagna, e' stato molto piu' voluminoso per cui si e' ipotizzato, nei primi due anni, di un giro d'affari di due milioni e mezzo di euro. (AGI)
Sol