Patrimoni illeciti: 500mila euro in beni sequestrati a Brindisi

(AGI) - Brindisi, 18 mar. - I carabinieri di Brindisi hannosequestrato beni per un valore di 500mila euro, appartenenti aBenito Clemente, di 36 anni di San Donaci (Br), ritenuto unesponente della Sacra Corona Unita. L'uomo e' gia' statocondannato per associazione a delinquere di tipo mafioso, peravere fatto parte del gruppo criminale Vitale, consideratovivino al clan dei Mesagnesi, che gestiva attivita' illecitenella provincia di Brindisi. Le indagini hanno consentito diappurare che negli anni tra il 2004 e il 2014, l'intero nucleofamiliare di Clemente ha potuto disporre di poco piu' di 60milaeuro.

(AGI) - Brindisi, 18 mar. - I carabinieri di Brindisi hannosequestrato beni per un valore di 500mila euro, appartenenti aBenito Clemente, di 36 anni di San Donaci (Br), ritenuto unesponente della Sacra Corona Unita. L'uomo e' gia' statocondannato per associazione a delinquere di tipo mafioso, peravere fatto parte del gruppo criminale Vitale, consideratovivino al clan dei Mesagnesi, che gestiva attivita' illecitenella provincia di Brindisi. Le indagini hanno consentito diappurare che negli anni tra il 2004 e il 2014, l'intero nucleofamiliare di Clemente ha potuto disporre di poco piu' di 60milaeuro. Nello stesso periodo sono stati pero' acquistati beni,mobili e immobili, per un valore di 500mila euro. Tra i benisequestrati compaiono: due immobili, un deposito, un lastricatosolare, due terreni agricoli, due auto, una moto e 54mila eurotrovati nell'abitazione di Clemente nel corso di unaperquisizione effettuata il 4 febbraio scorso. Secondo laProcura antimafia di Lecce, tali beni sarebbero statiacquistati con denaro provento di attivita' illegali.(AGI)Le3/Tib