Ilva: Carrubba, non facile trattativa con trasportatori (2)

(AGI) - Taranto 26 febbraio - "Sappiamo bene che l'Ilva e'fondamentale per l'economia di Taranto e siamo consapevoli chel'indotto che ruota attorno al siderurgico di Taranto ha unpeso maggiore rispetto a quello delle altre citta' dove l'Ilvae' presente con le sue attivita'. Questo, pero', non puo'portarci a sottoscrivere accordi che favoriscano una realta'rispetto ad un'altra". Cosi' uno dei tre commissaridell'amministrazione straordinaria dell'Ilva, Corrado Carubba,a proposito dell'accordo raggiunto oggi a Roma con glioperatori tarantini dopo averlo definito ieri con leorganizzazioni nazionali di categoria. La trattativa con itrasportatori di Taranto non

(AGI) - Taranto 26 febbraio - "Sappiamo bene che l'Ilva e'fondamentale per l'economia di Taranto e siamo consapevoli chel'indotto che ruota attorno al siderurgico di Taranto ha unpeso maggiore rispetto a quello delle altre citta' dove l'Ilvae' presente con le sue attivita'. Questo, pero', non puo'portarci a sottoscrivere accordi che favoriscano una realta'rispetto ad un'altra". Cosi' uno dei tre commissaridell'amministrazione straordinaria dell'Ilva, Corrado Carubba,a proposito dell'accordo raggiunto oggi a Roma con glioperatori tarantini dopo averlo definito ieri con leorganizzazioni nazionali di categoria. La trattativa con itrasportatori di Taranto non e' stata facile perche' questi, aquanto si apprende, avrebbero voluto andare oltre quantoconcordato ieri con i nazionali. "Abbiamo spiegato aitrasportatori locali - sottolinea Carrubba - che questo non e'possibile e che non ci sono assolutamente le condizioni perche'cio' avvenga. Sappiamo le criticita' presenti a Taranto, macerto i commissari non possono procedere con degli strappi siarispetto alla legge sull'Ilva che sta per essere approvata dalParlamento, sia rispetto al ruolo del giudice delegato allaprocedura dell'amministrazione straordinaria. E devo dire cheparlando con i trasportatori e confrontandoci con loro, allafine siamo usciti dalla strettoia arrivando all'accordo.Pensiamo di aver dato due segnali chiari - rileva Carrubba -.L'acconto dell'80 per cento sul nuovo trasporto, e il primoacconto arrivera' tra pochi giorni, e l'impegno a presentare algiudice delegato un piano di smaltimento dei crediti inattuazione a quanto indica il decreto in fase di conversione"."Quest'accordo col trasporto e' molto importante perche' dadomani ci permettera' di non vedere piu' i blocchi davanti ainostri stabilimenti - aggiunge Carrubba -. C'e' infatti bisognodi riprendere a lavorare regolarmente, c'e' bisogno di spedirei prodotti in giacenza. Ritengo che quando martedi' la Cameraavra' convertito in legge il decreto sull'Ilva, avremo davantia noi un periodo certo intenso e complesso ma nel quale lasituazione si dovrebbe rimettere a posto grazie anche alprogressivo arrivo delle risorse". La stessa Ilva, infine, nelcomunicato in cui da notizia dell'accordo con tutto ilcomparto del trasporto dopo gli incontri di ieri e oggi a Roma(incontri ai quali hanno partecipato i commissari Piero Gnudi,Corrado Carrubba, Enrico Laghi e il direttore generale MassimoRosini) afferma che lo stesso accordo "rientra nel processoverso il ritorno alla piena produttivita' e rappresenta ilrisultato della ferma volonta' dei commissari e del direttoregenerale di mettere in atto tutte le misure per garantire lasostenibilita' sia ambientale che economica del gruppo".(AGI)ta1/Mal