Migranti: Piemonte, quasi 6500 presenze, due hub per accoglienza

(AGI) - Torino, 12 ott. - In Piemonte, al 5 ottobre scorso,erano 6489 i migranti presentri ripartiti tra le diverseprovince per un totale di 316 strutture, che si occupanodell'accoglienza. Per la prima accoglienza la regione, come haspiegato l'assessore all'immigrazione Monica Cerutti, hapredisposto due hub: a Castello d'Annone e a Settimo Torinese. "Oltre all'Hub di Castello di Annone, che dovra' subirelavori di adeguamento e una bonifica degliedifici, anche il centro polifunzionale della Croce Rossa diSettimo Torinese - ha detto Cerutti - dovrebbe essereadibito a centro di prima accoglienza in modo strutturale. Una

(AGI) - Torino, 12 ott. - In Piemonte, al 5 ottobre scorso,erano 6489 i migranti presentri ripartiti tra le diverseprovince per un totale di 316 strutture, che si occupanodell'accoglienza. Per la prima accoglienza la regione, come haspiegato l'assessore all'immigrazione Monica Cerutti, hapredisposto due hub: a Castello d'Annone e a Settimo Torinese. "Oltre all'Hub di Castello di Annone, che dovra' subirelavori di adeguamento e una bonifica degliedifici, anche il centro polifunzionale della Croce Rossa diSettimo Torinese - ha detto Cerutti - dovrebbe essereadibito a centro di prima accoglienza in modo strutturale. Unadecisione necessaria vista anche ladismissione della tendopoli di Settimo entro il 31 ottobre;tendopoli che ha permesso la gestionedegli arrivi in questi ultimi mesi". Per entrambi i centri di prima accoglienza dovranno essererealizzati dei lavori di adeguamento, che porteranno ad averenel sistema di accoglienza piemontese due punti di riferimentoper il territorio regionale settentrionale e meridionale inun'ottica strutturale. "Un'ultima questione che sta emergendo in queste settimane,e che dovremo comprenderequanto dovra' essere inserita nella programmazione dellaripartizione delle quote regionali, - ha concluso l'assessoreCerutti - e' quella degli arrivi di richiedenti asilo viaterra. Attualmente alcuni di loro (un numero inferiore alcentinaio) risultano essere presenti nelle citta' di Torino eBiella". (AGI)Chc