Turismo: Vescovo Ascoli, ampliero' museo diocesiano e chiese aperte

(AGI) - Ascoli Piceno 30 giu. -" Ho in programma di ampliare eriqualificare il Museo Diocesiano di Ascoli, dotandolo di nuovispazi espositivi e recuperando e utilizzando il materialeartistico che e' nella disposnibilita' della Curia ma che none' ancora stato messo a disposizioen del pubblico". Lo haanticipato oggi Mons. Giovanni d'Ercole, dal 10 maggio vescovodel capoluogo piceno, in occasione della presentazionedell'iniziativa "Chiese Aperte", che dal 1 luglio al 14settembre permettera' a residenti, visitatori e turisti diammirare alcuni dei principali edifici romanici e luoghi diculto della citta', ricchi di arte sacra e

(AGI) - Ascoli Piceno 30 giu. -" Ho in programma di ampliare eriqualificare il Museo Diocesiano di Ascoli, dotandolo di nuovispazi espositivi e recuperando e utilizzando il materialeartistico che e' nella disposnibilita' della Curia ma che none' ancora stato messo a disposizioen del pubblico". Lo haanticipato oggi Mons. Giovanni d'Ercole, dal 10 maggio vescovodel capoluogo piceno, in occasione della presentazionedell'iniziativa "Chiese Aperte", che dal 1 luglio al 14settembre permettera' a residenti, visitatori e turisti diammirare alcuni dei principali edifici romanici e luoghi diculto della citta', ricchi di arte sacra e di importanti operepittoriche prodotte dal XII al XV secolo, luoghi chenormalmente non sono aperti alla fruizione pubblico.L'iniziativa , realizzata dalla Diocesi in collaborazione conil Comune e la Provincia di Ascoli, consentira' di visitare intour guidati il Museo Diocesiano, la Cattedrale di Sant'Emidio,il Battistero e le Chiese di San Gregorio Magno, Santa MariaIntervineas e S.Vincenzo e Anastasio. "Chiese Aperte ha unaduplice valenza - ha detto Mons.D'Ercole nell'incontro di oggi,alla presenza del sindaco Guido Castelli e dell'assessore allacultura Giorgia Latini : da un lato spirituale e culturale,dall'altro turistico e finalizzato a favorire una sinergia conl'Amministrazione comunale in grado di far conoscere e amareAscoli attraverso le sue bellezze architettoniche eartistiche." Dal canto suo il sindaco Castelli ha affermato chein futuro il progetto potrebbe essere ampliato ad altre chieseed anche a quelle non romaniche della citta', nell'otticadell'incentivazione di un flusso turistico che verso Ascoli e'aumentato nel 2013 del 18%, con un numero di permanenze/nottiregistrate pari 122 mila unita'. Da ricordare anche il MuseoDiocesiano locale, presso il Palazzo Vescovile, sempre loscorso anno ha raggiunto i 50 mila visitatori. (AGI)Ap1/Sep