Regioni sindaco Pesaro, subito confronto Marche-Umbria

(AGI) - Pesaro, 2 ott. - "Le Marche sono troppo piccole e,anche in vista delle regionali, dobbiamo aprire il temadel'unione delle Regioni del centro, partendo con il confrontoda Marche e Umbria, altrimenti il rischio e' la perdita dicompetitivita' sul quadro nazionale". Cosi' il sindaco diPesaro e vice presidente nazionale del Pd, Matteo Ricci,all'assemblea regionale dell'Anci, che si e' svolta oggi nelcentro Giovanni Paolo II di Montorso (Ancona). Il primocittadino di Pesaro ha preso posizione contro i "centralisminazionali e regionali": "La riforma del Titolo V fa chiarezza -ha spiegato -, ma

(AGI) - Pesaro, 2 ott. - "Le Marche sono troppo piccole e,anche in vista delle regionali, dobbiamo aprire il temadel'unione delle Regioni del centro, partendo con il confrontoda Marche e Umbria, altrimenti il rischio e' la perdita dicompetitivita' sul quadro nazionale". Cosi' il sindaco diPesaro e vice presidente nazionale del Pd, Matteo Ricci,all'assemblea regionale dell'Anci, che si e' svolta oggi nelcentro Giovanni Paolo II di Montorso (Ancona). Il primocittadino di Pesaro ha preso posizione contro i "centralisminazionali e regionali": "La riforma del Titolo V fa chiarezza -ha spiegato -, ma il livello gestionale resti territoriale ecomunale: le Regioni devono fare le leggi e la pianificazione,non occuparsi di gestione". Ricci ha parlato anche del futuroassetto delle Province, chiedendo ai sindaci "di cambiarementalita' e avere una visione provinciale" ed ha chiesto agoverno e Regione Marche "di metterli nelle condizioni digestire la fase di transizione, in particolare su strade escuole". Infine, un cenno chiaro al futuro dei 236 comunimarchigiani: "Non reggono piu' - ha spiegato -. Dobbiamo essereprotagonisti di una grande riforma dal basso, proponendo unionio fusioni nei bacini omogenei e la Regione deve fare di piu'per incentivare questo processo". (AGI)Pu1/Sep