Lavoro: Marche, -10mila disoccupati e cala tasso a 10, 6%

(AGI) - Pesaro, 2 mar. - Nel corso del 2014, nelle Marche e'ripartita l'occupazione: i senza lavoro sono passati da 84 a 74mila, mentre il tasso di disoccupazione e' sceso dal 12,3% al10,6%. A fine 2014, i marchigiani con un posto di lavoro erano624 mila (+24 mila rispetto al 2013). Unico dato negativoquello di coloro che hanno smesso di cercare un'occupazione,pur essendo disponibili a lavorare: sono 23.061, con un aumentodell'11,9%. E' quanto hanno annunciato oggi Cna eConfartigianato Marche, che hanno elaborato gli ultimi datiIstat. Secondo le due associazioni regionali dell'artigianato,i

(AGI) - Pesaro, 2 mar. - Nel corso del 2014, nelle Marche e'ripartita l'occupazione: i senza lavoro sono passati da 84 a 74mila, mentre il tasso di disoccupazione e' sceso dal 12,3% al10,6%. A fine 2014, i marchigiani con un posto di lavoro erano624 mila (+24 mila rispetto al 2013). Unico dato negativoquello di coloro che hanno smesso di cercare un'occupazione,pur essendo disponibili a lavorare: sono 23.061, con un aumentodell'11,9%. E' quanto hanno annunciato oggi Cna eConfartigianato Marche, che hanno elaborato gli ultimi datiIstat. Secondo le due associazioni regionali dell'artigianato,i dati del 2014 invertono una tendenza negativa che siprotraeva dal 2011 e che, negli ultimi 3 anni, aveva visto iltasso di disoccupazione salire dal 6,6% del 2010 al 12,3% del2013. Il dato del 2014 (10,6%) e' in contro tendenza con quellonazionale, passato dal 12,6% del 2013 al 13,3% dell'annoscorso. Tra i disoccupati delle Marche, le donne sono ancora inmaggioranza, ma il loro numero (40.214 rispetto alle 44.82) e'ha un calo piu' evidente rispetto a quello degli uomini (da39.583 a 33.909). In netto calo anche il numero dei giovanimarchigiani in cerca di prima occupazione, che passano da17.852 a 13.342. Il maggior numero di occupati marchigiani sitrova nei servizi, che assorbono 385 mila lavoratori, circa 16mila in piu' rispetto al 2013. Gli occupati nell'industria sono227 mila, con una crescita di 9 mila unita'; di questi, 39 milalavorano in edilizia, mentre erano 34 mila nel 2013. Quelli inagricoltura sono rimasti stabili e sono quasi 12 mila.Distinguendo tra occupati dipendenti e indipendenti, si ha chequesti ultimi passano da 154 a 157 mila mentre i lavoratorialle dipendenze aumentano di 21 mila unita', passando da 446mila a 467 mila. (AGI)Sep