Imprenditore uccide 2 dipendenti: Cisl Fermo, crisi non giustifica

(AGI) - Pesaro, 22 set. - "La crisi non puo' giustificare losfruttamento, il non pagare chi lavora, perche' questo sichiama schiavitu', il mancato rispetto dei diritti e laconsiderazione che gli stranieri siano persone di secondolivello". Cosi' Maurizio Di Cosmo, segretario della Cgil diFermo, a proposito dell'omicidio di due operai kossovari,Mustafa' Nexhmedin e Avdyli Valdet, uccisi dal loro ex datoredi lavoro, Gianluca Ciferri, titolare di una piccola impresaedile. Secondo il sindacalista, che ieri sera ha partecipatoalla fiaccolata in memoria delle vittime, alla quale hannopartecipato oltre 400 persone, "i primi lavoratori ad

(AGI) - Pesaro, 22 set. - "La crisi non puo' giustificare losfruttamento, il non pagare chi lavora, perche' questo sichiama schiavitu', il mancato rispetto dei diritti e laconsiderazione che gli stranieri siano persone di secondolivello". Cosi' Maurizio Di Cosmo, segretario della Cgil diFermo, a proposito dell'omicidio di due operai kossovari,Mustafa' Nexhmedin e Avdyli Valdet, uccisi dal loro ex datoredi lavoro, Gianluca Ciferri, titolare di una piccola impresaedile. Secondo il sindacalista, che ieri sera ha partecipatoalla fiaccolata in memoria delle vittime, alla quale hannopartecipato oltre 400 persone, "i primi lavoratori ad esserecolpiti dalla crisi e i piu' deboli in questa situazione sonostati e sono tuttora gli immigrati". (AGI)Pu1/Sep