Crisi: Cna Ascoli, 70% imprese dice no a uscita da zona Euro

(AGI) - Ascoli Piceno 4 lug.-" Nell'ascolano 7 impreseartigiane su 10 sono sfavorevoli all'ipotesi di un uscitadall'euro, per la possibilita' di una crisi finanziaria dovutaall'aumento dei tassi di interesse sul debito pubblico e per unpiu' oneroso reperimento dell'energia e delle materie prime acausa della svalutazione". Lo afferma il presidente provincialedella Cna di Ascoli Piceno Luigi Passaretti, che cita unostudio nazionale sull'argomento, effettuato in ogni territorio."Gli imprenditori delle Marche, e quelli del Piceno inparticolare - e' convinto Passaretti - sono i piu' europeistitra i loro colleghi in tutta Italia.Alla domanda se

(AGI) - Ascoli Piceno 4 lug.-" Nell'ascolano 7 impreseartigiane su 10 sono sfavorevoli all'ipotesi di un uscitadall'euro, per la possibilita' di una crisi finanziaria dovutaall'aumento dei tassi di interesse sul debito pubblico e per unpiu' oneroso reperimento dell'energia e delle materie prime acausa della svalutazione". Lo afferma il presidente provincialedella Cna di Ascoli Piceno Luigi Passaretti, che cita unostudio nazionale sull'argomento, effettuato in ogni territorio."Gli imprenditori delle Marche, e quelli del Piceno inparticolare - e' convinto Passaretti - sono i piu' europeistitra i loro colleghi in tutta Italia.Alla domanda se l'Europaaiuta l'Italia a diventare un paese ben gestito, nella nostraprovincia il 43% di essi risponde di si', contro il 40% dellamedia nazionale. E il 53% sostiene che l'Italia senza l'UnioneEuropea sarebbe un paese piu' arretrato, contro il 47% dellamedia nazionale". Altro dato significativo dell'indagine Cna,e' che " si dicono favorevoli all'Ue il 50% degli imprenditoriche gestiscono un azienda con piu' di 10 addetti, mentre lapercentuale scende al 40% tra quelli che hanno attivita' piu'piccole". (AGI)Ap1/Sep