Artigianato: Marche, cresce fatturato in primo semestre

(AGI) - Pesaro, 17 dic. - Per l'artigianato nelle Marche, cheha toccato i livelli piu' bassi della crisi nel corso del 2013,l'anno che sta per concludersi coincide con qualche timidosegnale di ripresa. E' quanto emerge dall'indaginecongiunturale semestrale 'Trend Marche', realizzatadall'osservatorio integrato sulla piccola e media impresa delleMarche, a cura di Cna e Confartigianato Marche, incollaborazione dell'Istat regionale. Nel periodo gennaio-giugno2014, il fatturato e' cresciuto dell'1,5% rispetto allo stessoperiodo dell'anno precedente, mentre gli investimenti hannoregistrato un incremento del 27%. Dal lato dei costi, si e'registrato un aumento della spesa per

(AGI) - Pesaro, 17 dic. - Per l'artigianato nelle Marche, cheha toccato i livelli piu' bassi della crisi nel corso del 2013,l'anno che sta per concludersi coincide con qualche timidosegnale di ripresa. E' quanto emerge dall'indaginecongiunturale semestrale 'Trend Marche', realizzatadall'osservatorio integrato sulla piccola e media impresa delleMarche, a cura di Cna e Confartigianato Marche, incollaborazione dell'Istat regionale. Nel periodo gennaio-giugno2014, il fatturato e' cresciuto dell'1,5% rispetto allo stessoperiodo dell'anno precedente, mentre gli investimenti hannoregistrato un incremento del 27%. Dal lato dei costi, si e'registrato un aumento della spesa per retribuzioni (+2,5%) e undimezzamento (-59%) di quella per la formazione. La lieverisalita del fatturato e la ripresa degli investimenti, secondol'indagine di Cna e Confartigianato, e' dovuta quasiesclusivamente a un rimbalzo dopo la caduta dell'anno scorso,che aveva registrato un crollo degli investimenti del 32,7%. Afar crescere, seppure con percentuali modeste, il fatturatodelle imprese artigiane marchigiane, sono stati soprattutto ilterziario (+4,1%) e le costruzioni (+2,4%), grazieesclusivamente alle ristrutturazioni edilizie e agli interventiper il risparmio energetico, spinti dagli sgravi fiscali. Ilmanifatturiero continua, invece, a perdere fatturato (-0,6%) e,in particolare, prosegue la crisi della meccanica (-4,9%) e delcalzaturiero (-6,8%), mentre cresce il mobile (+9,5%). (AGI)Pu1/Sep