Agricoltura: nelle Marche cresce 13% produzione dop

(AGI) - Ascoli piceno 24 set. - Cresce nelle Marche laproduzione di cibi a Denominazione di origine. Secondoun?analisi Coldiretti su dati Istat, nel 2013 sono aumentatisuperfici coltivate, produttori, trasformatori e capi allevati.A far segnare il maggior incremento sono i terreni, con un +13per cento. Ma anche le aziende sono salite a quota 694 (+3 percento) e gli allevamenti a 705 (+4 per cento), mentre itrasformatori sono 186 (+5 per cento). Il segnale, secondoColdiretti, della capacità dell'agroalimentare Made in Marchedi creare reddito e lavoro. La nostra regione può oggi vantaredodici prodotti

(AGI) - Ascoli piceno 24 set. - Cresce nelle Marche laproduzione di cibi a Denominazione di origine. Secondoun?analisi Coldiretti su dati Istat, nel 2013 sono aumentatisuperfici coltivate, produttori, trasformatori e capi allevati.A far segnare il maggior incremento sono i terreni, con un +13per cento. Ma anche le aziende sono salite a quota 694 (+3 percento) e gli allevamenti a 705 (+4 per cento), mentre itrasformatori sono 186 (+5 per cento). Il segnale, secondoColdiretti, della capacità dell'agroalimentare Made in Marchedi creare reddito e lavoro. La nostra regione può oggi vantaredodici prodotti riconosciuti, tra Denominazione di origineprotetta (Dop) e Indicazione geografica protetta (Igp). QuelliDop sono l?Oliva Ascolana del Piceno, l?Olio di Cartoceto, laCasciotta d' Urbino e il Prosciutto di Carpegna, cui siaggiungono Formaggio di Fossa di Sogliano e Salamini italianialla cacciatora. Le Indicazioni geografiche protette sonoattive per Agnello del Centro Italia (in via di definitivaformalizzazione), Vitellone bianco dell?Appennino centrale,Ciauscolo (per il quale si sta lavorando alla Dop),maccheroncini di Campofilone, oltre che Mortadella Bologna eLenticchia di Castelluccio. Ormai in dirittura d?arrivo anchela Igp per la Patata rossa di Colfiorito. (AGI)Ap1/Sep