Terremoto: Assolombarda a sostegno dei territori colpiti

(AGI) - Milano, 7 set. - Assolombarda si attiva per sostenere le popolazioni col...

(AGI) - Milano, 7 set. - Assolombarda si attiva per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto e aderisce all'accordo sottoscritto da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil che, presso Monte dei Paschi di Siena, ha aperto il conto corrente con codice iban: it 94 v 01030 03201 000002589031 bic - pascitmmrm, intestato a 'Confindustria, Cgil, Cisl, Uil fondo di solidarieta' per le popolazioni centro italia'. Nel Fondo di Solidarieta' Nazionale confluiranno i contributi volontari, pari a un'ora di lavoro, dei dipendenti delle imprese associate e dell'Associazione che vorranno partecipare all'iniziativa e un contributo equivalente per ogni lavoratore da parte delle imprese. Si tratta di un gesto di solidarieta' verso le popolazioni e i territori colpiti dal sisma che Assolombarda, a sua volta, si impegna a rafforzare aderendo al progetto. La raccolta dei fondi avra' termine il 31 gennaio 2017. Entro il mese di ottobre, in coerenza con le indicazioni delle istituzioni locali e delle autorita' preposte, Confindustria, Cgil, Cisl e Uil effettueranno una valutazione sulle modalita' dell'intervento a sostegno delle popolazioni colpite dal terremoto. A supporto dei territori colpiti dal terremoto, si aggiungono infine le iniziative del Gruppo Giovani Imprenditori di Assolombarda e della Piccola Industria di Assolombarda. I primi, infatti, sostengono la raccolta fondi, promossa dal Comitato Interregionale del Centro formato dai Giovani Imprenditori di Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo, affidata all'Associazione di volontariato e fundraising "Impresa da bambini" per il progetto "Adotta una scuola". I fondi della raccolta permetteranno ai comuni colpiti dal sisma di ricostruire, attrezzare e rendere operativi gli istituti scolastici. Mentre la Piccola Industria di Assolombarda aderisce alla task force nazionale, che si pone l'obiettivo di raccogliere generi di prima necessita' in coordinamento con le indicazioni fornite dalla Protezione Civile. (AGI)
red/Cre