Spazio: Parmitano, in orbita servono poeti per inventare parole

(AGI) - Milano, 17 lug. - Scienza, tecnologia, esplorazione eispirazione. Sono queste le "quattro parole fondamentali" chesecondo l'astronauta italiano dell'Esa, Luca Parmitano,sintetizzano "il senso della presenza dell'uomo nello spazio".Invitato a raccontare presso il comando 1° Regione Areadell'Areonautica militare la missione spaziale alla quale hapreso parte poco piu' di un anno fa, ha cosi' riassunto ilsignificato di una ricerca in cui l'Italia lavora daprotagonista. Si parte dalla "scienza" perche', ha spiegatoParmitano, la stazione spaziale internazionale "e' unlaboratorio", dove "l'esplorazione" (altra parola-chiave) e gliesperimenti si fanno a partire da se stessi,

(AGI) - Milano, 17 lug. - Scienza, tecnologia, esplorazione eispirazione. Sono queste le "quattro parole fondamentali" chesecondo l'astronauta italiano dell'Esa, Luca Parmitano,sintetizzano "il senso della presenza dell'uomo nello spazio".Invitato a raccontare presso il comando 1° Regione Areadell'Areonautica militare la missione spaziale alla quale hapreso parte poco piu' di un anno fa, ha cosi' riassunto ilsignificato di una ricerca in cui l'Italia lavora daprotagonista. Si parte dalla "scienza" perche', ha spiegatoParmitano, la stazione spaziale internazionale "e' unlaboratorio", dove "l'esplorazione" (altra parola-chiave) e gliesperimenti si fanno a partire da se stessi, nel testare "ilimiti fisiologici dell'uomo". La "tecnologia" ne e' unostrumento essenziale, quel "continuo allargare le conoscere"per "rincorrere gli orizzonti e superarli uno dopo l'altro";infine, "l'ispirazione" unica, in un posto come lo spazio.(AGI)Mi5/mld