Scuola: corteo Milano, imbrattate banche e solidarieta' migranti

(AGI) - Milano, 9 ott.- Studenti in piazza a Milano per ilcorteo indetto nell'ambito della giornata di mobilitazionenazionale contro il decreto Buona Scuola. La manifestazione e'partita intorno alle 10 da largo Cairoli dove un gruppetto dicontestatori e' salito sulla statua al centro dello spiazzo, haacceso alcuni fumogeni e appeso uno striscione con la scrittaNo Free Jobs, la scuola non e' un azienda. Il corteo e' poiproseguito per le vie del centro paralizzando parzialmente iltraffico. All'altezza di piazza Cordusio un altro gruppetto dimanifestanti si e' staccato dalla folla e ha imbrattato con

(AGI) - Milano, 9 ott.- Studenti in piazza a Milano per ilcorteo indetto nell'ambito della giornata di mobilitazionenazionale contro il decreto Buona Scuola. La manifestazione e'partita intorno alle 10 da largo Cairoli dove un gruppetto dicontestatori e' salito sulla statua al centro dello spiazzo, haacceso alcuni fumogeni e appeso uno striscione con la scrittaNo Free Jobs, la scuola non e' un azienda. Il corteo e' poiproseguito per le vie del centro paralizzando parzialmente iltraffico. All'altezza di piazza Cordusio un altro gruppetto dimanifestanti si e' staccato dalla folla e ha imbrattato convernice rossa la sede di Unicredit, lasciando impronte dellemani sulla vetrata a simboleggiare l'accusa rivolta alla bancadi finanziamenti ai produttori di armi. Diverse le sigle chehanno partecipato alla manifestazione, tra cui Casc, Unionedegli Studenti, Link, Rete della Conoscenza, Cantiere. Glistudenti hanno anche occupato la ex sede Coni di PortaVigentina, dichiarando che la lasceranno in serata. Arrivati invia Achille Mauri, vicino al consolato ungherese, hannomanifestato solidarieta' ai migranti erigendo un muro compostoda uno striscione con la scritta no borders e rotoli di filo diferro. Solidarieta' ai migranti anche a Crocetta, dove moltimanifestanti si sono stesi a terra e disegnato le propriesagome per simboleggiare tutti coloro che muoiono nel tentativodi raggiungere l'Europa. Gli studenti protestano soprattuttocontro la riforma della scuola, accusata di promuovere unapartecipazione inesistente e un'idea aziendalisticadell'istruzione, concedendo anche finanziamenti alle scuoleprivate. (AGI)Mi9/Car