Sassuolo rivive l'incubo, Inter vince 7-0

(AGI) - Milano, 14 set. - L'Inter che incontra il Sassuolo e'come un toro quando vede il drappo rosso: diventa indomabile.Sette gol come l'anno scorso (tris Icardi, doppietta Osvaldo,Kovacic e persino Guarin) con attaccanti scatenati,centrocampisti che coprono e ripartono, esterni che volano,difesa che mette la museruola a Sansone, Berardi (espulso) e,soprattutto, all'osannatissimo (quanto inconsistente oggi)Zaza. Un incubo per Di Francesco. Il patto annunciato ieri daMazzarri per una squadra d'attacco trova la prima conferma,anche perche' in campo ci sono due punte (Icardi e Osvaldo) edue mediani di enorme qualita' come Hernanes

(AGI) - Milano, 14 set. - L'Inter che incontra il Sassuolo e'come un toro quando vede il drappo rosso: diventa indomabile.Sette gol come l'anno scorso (tris Icardi, doppietta Osvaldo,Kovacic e persino Guarin) con attaccanti scatenati,centrocampisti che coprono e ripartono, esterni che volano,difesa che mette la museruola a Sansone, Berardi (espulso) e,soprattutto, all'osannatissimo (quanto inconsistente oggi)Zaza. Un incubo per Di Francesco. Il patto annunciato ieri daMazzarri per una squadra d'attacco trova la prima conferma,anche perche' in campo ci sono due punte (Icardi e Osvaldo) edue mediani di enorme qualita' come Hernanes e soprattuttoKovacic: da interno sinistro, il croato va che e' una bellezza,con colpi di fino, assist e persino il gol, unica pecca fin quiper un giocatore destinato a fare grandi cose. Insomma, tuttenote liete sotto gli occhi di Massimo Moratti, tornato allostadio. Il Sassuolo, forse ubriaco di entusiasmo dopo unasettimana alla ribalta, fa pochissimo e facilita come inoccasione dello 0-7 della scorsa stagione al Mapei Stadium ilcompito dei nerazzurri, che si aprono la strada verso ilsuccesso grazie al cecchino Icardi dopo soli 4'. Ritmiforsennati, Medel morde ed Hernanes accorcia il raggiod'azione, lasciando i riflettori a Kovacic, cChe, al 21', alculmine di una splendida azione rifinita da Osvaldo, si infilanella burrosa difesa di Di Francesco e beffa Consigli con undelizioso tocco di destro. Lo show dell'Inter non si arresta,anzi. Icardi, con un gran destro dal limite, cala il tris, poialla festa partecipa anche Osvaldo anche se il merito e' tuttodi Dodo', che fila via a Gazzola (subentrato in avvioall'infortunato Vrsaljko) e viene frenato solo in parte daConsigli, con l'italo-argentino che puo' esultare sotto la Nordcon un comodo tap-in. In precedenza, squillo del Sassuolofrenato da Juan Jesus in extremis. Handanovic si sporca iguantoni solo nella ripresa, quando l'ex di turno Taider provaa dare una scossa ai suoi con un paio di conclusioni stoppatedallo sloveno. Quando pero' verticalizza l'Inter torna a faremale: Icardi, sempre lui, si infila tra Ariaudo e Terranovasull'ennesima invenzione di Kovacci. Pokerissimo e partita cheil Sassuolo, se possibile, rovina ancora di piu' perche'Berardi rifila una gomitata a Juan Jesus sotto gli occhi diCalvarese e riceve un rosso inequivocabile. Mazzarri pensaall'Europa League (giovedi' c'e' il Dnipro): fuori Nagatomo el'acclamatissimo Kovacic per Mbaye e il figliol prodigo Guarin.Proprio il colombiano subito grande protagonista: prima regalaa Osvaldo un assist che non puo' fallire, poi si mette inproprio con un piattone destro che bacia il palo e si trasformanel 7-0. Poi via Dodo' e debutto per Palacio. Mazzarri passa al4-3-3 per un finale senza altri botti.(AGI).