Provinciali: centrodestra lombardo diviso, a Brescia Pd-Ncd-FI

(AGI) - Milano, 19 set. - La coalizione di centrodestra chegoverna in Regione Lombardia, Lega Nord-Forza Italia-Nuovocentrodestra e Fratelli d'Italia, si presentera' quasi ovunquedivisa alle elezioni provinciali, in programma in due tornate,il 28 settembre e il 2 ottobre. E' sostanzialmente il fruttodella decisione del partito del governatore Roberto Maroni, laLega, di correre da sola in quasi tutte le Province, tranne chea Lodi e Sondrio, e degli accordi stretti tra Pd e Ncd incinque delle nove realta' che andranno al voto (si trattacomunque di un'elezione di secondo livello; a votare sarannosindaci

(AGI) - Milano, 19 set. - La coalizione di centrodestra chegoverna in Regione Lombardia, Lega Nord-Forza Italia-Nuovocentrodestra e Fratelli d'Italia, si presentera' quasi ovunquedivisa alle elezioni provinciali, in programma in due tornate,il 28 settembre e il 2 ottobre. E' sostanzialmente il fruttodella decisione del partito del governatore Roberto Maroni, laLega, di correre da sola in quasi tutte le Province, tranne chea Lodi e Sondrio, e degli accordi stretti tra Pd e Ncd incinque delle nove realta' che andranno al voto (si trattacomunque di un'elezione di secondo livello; a votare sarannosindaci e consiglieri comunali). Significativi i casi delle Province piu' grandi, Bergamo eBrescia, divenute culle di sperimentazione di 'stranealleanze'. In terra orobica, parte dei sindaci di FI appoggia,insieme a Ncd (ma con liste diverse), il candidato del Pd allapresidenza del nuovo Consiglio provinciale, Matteo Rossi;mentre la Lega e altri esponenti del partito di SilvioBerlusconi sostengono il sindaco di Treviglio, Beppe Pezzoni.Piu' eclatante il caso bresciano, unica Provincia lombarda incui e' stato siglato l'accordo per la presentazione di un'listone unico' formato da Pd, Forza Italia, Ncd e Udc asostegno del democratico Pier Luigi Mottinelli, consigliereprovinciale uscente. La Lega e Fratelli d'Italia sono rimastifuori. (AGI) Fed