Lombardia: bilancio 2013, ok giudizio parificazione Corte conti (2)

(AGI) - Milano, 30 giu. - "Positivo il giudizio di parifica, aconferma che i conti di Regione Lombardia sono veritieri etrasparenti", ha sottolineato Cattaneo. "Come ha ricordato ilpresidente Squitieri, la relazione viene trasmessa al Consiglioregionale a supporto delle funzioni di controllo dello stesso.Terremo conto degli spunti e dei suggerimenti migliorativi chela relazione contiene e che non dovranno essere trascurati?. Matita rossa sui rilievi sollevati dalla Corte invece daparte delle opposizioni. "Dalla Corte dei Conti, pur nelcontesto di un giudizio positivo, sono arrivati anche richiamialla politica regionale", fa notare il capogruppo del

(AGI) - Milano, 30 giu. - "Positivo il giudizio di parifica, aconferma che i conti di Regione Lombardia sono veritieri etrasparenti", ha sottolineato Cattaneo. "Come ha ricordato ilpresidente Squitieri, la relazione viene trasmessa al Consiglioregionale a supporto delle funzioni di controllo dello stesso.Terremo conto degli spunti e dei suggerimenti migliorativi chela relazione contiene e che non dovranno essere trascurati?. Matita rossa sui rilievi sollevati dalla Corte invece daparte delle opposizioni. "Dalla Corte dei Conti, pur nelcontesto di un giudizio positivo, sono arrivati anche richiamialla politica regionale", fa notare il capogruppo del Pd inConsiglio regionale lombardo, Enrico Brambilla. "Un anno dopoil primo giudizio di parifica dell'era Maroni i problemi sonoancora gli stessi. La Corte segnala la necessita' di rafforzareil sistema dei controlli, l'attenzione ai rapporti con lesocieta' partecipate, l'eccessivo ricorso a dirigenti esterni.Tutti problemi che richiedono una soluzione e soprattutto lavolonta' di affrontarli. Fino ad oggi la svolta che ci siattendeva non c'e' stata, ne' da Maroni ne' dalla suamaggioranza". "Si puo' e si deve migliorare risolvendo le criticita'sollevate dalla Corte", sostiene, dal canto suo, il consiglieredel Movimento 5 stelle, Stefano Buffagni. "Sui dirigentibisogna intervenire al piu' presto per diminuirne il numero ela spesa ad essi connessa; basterebbe partire dai famosi 31dirigenti e la loro assunzione illegittima. Lo stesso vale pergli enti del sistema regionale per i quali la trasparenza, almomento, e' un miraggio. M5S sta lavorando molto in questadirezione: tutti i cittadini devono poter accedere e conoscerecome sono usati dalla Regione Lombardia e dalle aziendepartecipate miliardi di euro di fondi pubblici". "Per larazionalizzazione delle strutture territoriali invitiamo lagiunta Maroni ad utilizzare la norma Fraccaro (M5S) - conclude- che permette di recedere anche dai contratti di locazionetroppo onerosi al fine di contenere la spesa pubblica". (AGI)Mi4/Fed