Expo: progetto 'Vie d'acqua' finisce in inchiesta 'cupola'

(AGI) - Milano, 17 set. - Dopo le contestazioni da parte deicomitati cittadini 'No canal', le variazioni e iridimensionamenti del progetto iniziale e la rinuncia a portarea casa l'infrastruttura entro l'apertura di Expo 2015, ilfuturo del progetto 'Vie d'Acqua' milanesi e il contesto nelquale realizzare i lavori si complicano ulteriormente. Lanotifica dell'avviso di garanzia per i reati di corruzione eturbativa d'asta al subcommissario Expo, Antonio Acerbo,indagato in quanto responsabile del procedimento e presidentedella commissione aggiudicatrice, sospettato di aver favoritoMaltauro, secondo l'ipotesi dei pm di Milano, con modalita'illecite, apre a

(AGI) - Milano, 17 set. - Dopo le contestazioni da parte deicomitati cittadini 'No canal', le variazioni e iridimensionamenti del progetto iniziale e la rinuncia a portarea casa l'infrastruttura entro l'apertura di Expo 2015, ilfuturo del progetto 'Vie d'Acqua' milanesi e il contesto nelquale realizzare i lavori si complicano ulteriormente. Lanotifica dell'avviso di garanzia per i reati di corruzione eturbativa d'asta al subcommissario Expo, Antonio Acerbo,indagato in quanto responsabile del procedimento e presidentedella commissione aggiudicatrice, sospettato di aver favoritoMaltauro, secondo l'ipotesi dei pm di Milano, con modalita'illecite, apre a incertezze sia per quanto riguarda la gestionefutura dei lavori da parte della Maltauro, sia per eventualiprese di posizione legali da parte di altri partecipanti allagara. (AGI) Mi5/mld