Carabinieri: figlia Giangrande, Preiti? Impossibile perdonare

(AGI) - Milano, 15 lug. - "Ho letto le parole di Luigi Preiti,l'uomo che ha sparato a mio padre e lo ha quasi ucciso. Ci hachiesto di perdonarlo, dice che ha perso il controllo, che eradepresso, ma per noi non cambia nulla: le sue scuse nonpermetteranno a mio padre di rialzarsi dalla sedia a rotelle ea me non restituira' la mia vita di ventiquattrenne che avevoprima". Replica cosi', in un'esclusiva del settimanale 'Visto' inedicola da giovedi' 17 luglio, Martina Giangrandeall'intervista rilasciata a 'La Repubblica' dall'uomo che il 28aprile 2013 sparo' davanti

(AGI) - Milano, 15 lug. - "Ho letto le parole di Luigi Preiti,l'uomo che ha sparato a mio padre e lo ha quasi ucciso. Ci hachiesto di perdonarlo, dice che ha perso il controllo, che eradepresso, ma per noi non cambia nulla: le sue scuse nonpermetteranno a mio padre di rialzarsi dalla sedia a rotelle ea me non restituira' la mia vita di ventiquattrenne che avevoprima". Replica cosi', in un'esclusiva del settimanale 'Visto' inedicola da giovedi' 17 luglio, Martina Giangrandeall'intervista rilasciata a 'La Repubblica' dall'uomo che il 28aprile 2013 sparo' davanti a Palazzo Chigi e feri' gravementeil carabiniere Giuseppe Giangrande, 52 anni, togliendoli persempre l'uso delle braccia e delle gambe. (AGI)