Truffe: carabinieri, 7 denunce per truffa on line

(AGI) - Genova, 5 dic. - I carabinieri della Compagnia di SerraRicco', nell'entroterra di Genova, hanno sgominatoun'organizzazione specializzata nella tecnica del phishing, lasottrazione telematica di dati sensibili poi utilizzati perfini illeciti. Sette persone, residenti nelle Marche e di eta'compresa tra i 21 e i 38 anni, sono state denunciate a variotitolo per frode informatica, accesso abusivo ad un sistemainformatico telematico, sostituzione di persona, reimpiego didenaro proveniente da attivita' illecita. Secondo quanto emersodall'indagine, avviata nel marzo del 2013, l'organizzazioneavrebbe truffato almeno 66 persone acquisendo illecitamente idati relativi alle carte prepagate

(AGI) - Genova, 5 dic. - I carabinieri della Compagnia di SerraRicco', nell'entroterra di Genova, hanno sgominatoun'organizzazione specializzata nella tecnica del phishing, lasottrazione telematica di dati sensibili poi utilizzati perfini illeciti. Sette persone, residenti nelle Marche e di eta'compresa tra i 21 e i 38 anni, sono state denunciate a variotitolo per frode informatica, accesso abusivo ad un sistemainformatico telematico, sostituzione di persona, reimpiego didenaro proveniente da attivita' illecita. Secondo quanto emersodall'indagine, avviata nel marzo del 2013, l'organizzazioneavrebbe truffato almeno 66 persone acquisendo illecitamente idati relativi alle carte prepagate con cui effettuare movimentipatrimoniali. Le somme sottratte venivano indirizzate su contigioco on line intestati ad altri cittadini del tutto estranei,vittime a loro volta di furto di identita'. Utilizzando questiconti gioco, i truffatori effettuavano giocate, sempre aperdere, in favore di altri conti gioco intestati ad amici ocomplici, cosi' da riciclare il denaro rubato. Questa tecnicacomplessa avrebbe consentito all'organizzazione di guadagnareoltre 200.000 euro. Nel corso dell'indagine sono statisequestrati anche due server e 20.000 euro in contante. Secondoquanto spiegato dai carabineri, l'organizzazione era compostain realta' da un gruppo di amici, esperti di informatica, cheavevano ideato la truffa per condurre una vita agiata,acquistando auto di grossa cilindrata e frequentando locali dilusso. L'indagine e' coordinata dal pubblico ministero LuigiFede della Procura della Repubblica di Roma perche' i server,con all'interno i software necessari per effettuare leoperazioni fraudolente, sono stati sequestrati nella Capitale.(AGI)Ge2/Mav