Protezione Civile: Regione Liguria, cartografia in mostra a Genova

(AGI) - Genova, 22 set. - "I nuovi strumenti cartografici anostra disposizione consentono un'interpretazione immediata delterritorio: in fase di emergenza offrono un quadro dellerisorse disponibili e delle zone di criticita' e in fase dipost emergenza consentono di individuare le zone colpite e divalutare i danni. Sono anche strumenti preziosi in fase dipianificazione per la mitigazione del rischio, per studiarequali sono gli interventi piu' opportuni". Lo ha dettol'assessore regionale alla Protezione civile GiacomoGiampedrone, durante l'inaugurazione, presso la Sala SpazioIncontri della Regione in piazza De Ferrari a Genova, dellamostra "Da Qui

(AGI) - Genova, 22 set. - "I nuovi strumenti cartografici anostra disposizione consentono un'interpretazione immediata delterritorio: in fase di emergenza offrono un quadro dellerisorse disponibili e delle zone di criticita' e in fase dipost emergenza consentono di individuare le zone colpite e divalutare i danni. Sono anche strumenti preziosi in fase dipianificazione per la mitigazione del rischio, per studiarequali sono gli interventi piu' opportuni". Lo ha dettol'assessore regionale alla Protezione civile GiacomoGiampedrone, durante l'inaugurazione, presso la Sala SpazioIncontri della Regione in piazza De Ferrari a Genova, dellamostra "Da Qui a Liguria" dedicata al patrimonio cartograficodell'Ente che raccoglie 30mila fotogrammi aerei, quasi 600cartografie, piu' di 100 opendata cartografici. Oltre aGiampedrone hanno partecipato, tra gli altri, anche ilpresidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l'astronautagenovese Franco Malerba. L'esposizione, promossa dal settoreSistemi Informativi e telematici regionali, racconta la Liguriadal punto di vista cartografico, dalle mappe antiche allacartografia informatizzata. Le tre giornate previste sonodedicate al passato, al presente e al futuro dell'informazionecartografica. Attraverso la carta dell'uso del suolo, la Regione analizzaanche i cambiamenti del territorio e li accosta ai dati deiprecedenti rilievi, scoprendo informazioni nuove: dal 2009 al2012, ad esempio, in Liguria sono aumentate le abitazioniindipendenti e diminuite le zone residenziali piu' dense, sonoaumentate superstrade e grandi arterie di viabilita', cosi'come cantieri, spazi in costruzione e scavi, terreni nonutilizzati o abbandonati all'interno delle aree urbane. Ma sonoaumentate anche, a sorpresa, aree verdi urbane, campeggi e areesportive. A censire la rete dei sentieri, che si sviluppa peroltre 3.500 chilometri, e' una banca dati regionale, mentre dauna piattaforma cartografica si osserva che la Liguria e'attraversata da 574 chilometri di itinerari percorribili anchein bicicletta. "La cartografia piu' di altri settori - haaggiunto l'assessore alla Formazione e alla Cultura, IlariaCavo - e' un ambito che ha introdotto molte novita'tecnologiche, sia nei sistemi di acquisizione, sianell'utilizzo di sistemi di consultazione e di allargamentoverso utenti non specializzati. I droni, ad esempio, consentonodi acquisire, con minore difficolta', le variazioni intervenutee possono essere un'alternativa ai rilievi effettuati da unaereo".(AGI)