Porti: Toti, Biasotti assolutamente idoneo per Authorty Genova

(AGI) - Genova, 22 set. - "Io preferisco ai porti personecompetenti che abbiano anche una visione di indirizzo politico.Sandro Biasotti, (ex presidente della Regione Liguria eparlamentare ligure di Forza Italia, ndr) oltre che essere unamico, oltre che vedere certamente il mondo da un'ottica moltovicina alla mia e' anche persona che ha enorme esperienza diporti essendoci cresciuto e vissuto e quindi sarebbe un nomeassolutamente idoneo a ricoprire l'incarico". Lo ha detto ilpresidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, parlando delfuturo del porto di Genova, in vista dell'addio, nelle prossimesettimane, dell'attuale presidente dell'Authority

(AGI) - Genova, 22 set. - "Io preferisco ai porti personecompetenti che abbiano anche una visione di indirizzo politico.Sandro Biasotti, (ex presidente della Regione Liguria eparlamentare ligure di Forza Italia, ndr) oltre che essere unamico, oltre che vedere certamente il mondo da un'ottica moltovicina alla mia e' anche persona che ha enorme esperienza diporti essendoci cresciuto e vissuto e quindi sarebbe un nomeassolutamente idoneo a ricoprire l'incarico". Lo ha detto ilpresidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, parlando delfuturo del porto di Genova, in vista dell'addio, nelle prossimesettimane, dell'attuale presidente dell'Authority Luigi Merloche lascera' l'incarico, come annunciato da tempo. Totiaggiunge poi che "e' il governo che deve dirci quale indirizzovuol prendere. Per Genova voglio pero' - ha sottolineato - glistessi criteri che saranno usati per le altre Autorita'Portuali: se il governo in tutte le autorita' portualidecidera' di fare scelte tecniche pure, e' una scelta chevarra' per Genova ma dovra' valere anche per Spezia, Livorno,Civitavecchia, Venezia e tutte le autorita' portuali. Nonpossiamo accettare - ha ribadito - che si scelga un tecnico aGenova e magari un politico a Livorno: questo lo troverei unapresa in giro". Toti ha poi spiegato che "al ministro Delrio ho chiesto chesi individui un commissario che possa essere una figura diriferimento anche per il dopo-commissariamento, garantendocosi' una continuita' di gestione. Visto poi che abbiamoportato una nuova amministrazione in Regione, ritengo che ilporto di Genova, e ancor piu' se venisse fuso con il porto diSavona, abbia bisogno di essere guidato da una persona checondivide i nostri modelli di sviluppo, i nostri progetti peril futuro e quindi che condivide le nostre idee per la Liguria.Gradirei - ha proseguito - una persona che conosce la Liguria,che conosce il porto di Genova e condivide i modelli disviluppo che questa amministrazione appena insediata vuoleportare avanti in cinque anni". "Tenete presente - ha aggiuntoil governatore - che l'inizio del nostro mandato in Regionecoinciderebbe con l'inizio del mandato in Autorita' Portuale.E' una coincidenza temporale assolutamente perfetta: se sicreasse una rottura sarebbe un grave danno per il porto e perla regione mentre se Authority e Regione fossero sinergichesarebbero un volano molto importante per noi e per il porto.Aspetto che il ministro prenda le sue decisioni in autonomia emi auguro - ha concluso - che poi ci sia un confronto apertoschietto e sereno e si trovi una persona che vada bene atutti". (AGI)Ge2/Bru