Migranti: raccolte 15 tonnellate indumenti in cinque parrocchie

(AGI) - Genova, 6 ott. - Oltre 15 tonnellate di indumentiinvernali sono state raccolte nelle giornate di sabato 3 edomenica 4 ottobre in cinque parrocchie genovesi. Questa larisposta dei genovesi all'iniziativa promossa da Lo Staccapannisu iniziativa di Caritas Diocesana, Fondazione Auxilium,Ufficio Diocesano Migrantes e Centro di Solidarieta' Genova asostegno dei migranti in vista del calo delle temperaturedurante l'inverno ormai alle porte. Un risultato che, andatooltre le aspettative, consentira' alle associazioni e agli entiche si occupano di accoglienza di assistere non solo i profughima anche gli italiani senza dimora o in

(AGI) - Genova, 6 ott. - Oltre 15 tonnellate di indumentiinvernali sono state raccolte nelle giornate di sabato 3 edomenica 4 ottobre in cinque parrocchie genovesi. Questa larisposta dei genovesi all'iniziativa promossa da Lo Staccapannisu iniziativa di Caritas Diocesana, Fondazione Auxilium,Ufficio Diocesano Migrantes e Centro di Solidarieta' Genova asostegno dei migranti in vista del calo delle temperaturedurante l'inverno ormai alle porte. Un risultato che, andatooltre le aspettative, consentira' alle associazioni e agli entiche si occupano di accoglienza di assistere non solo i profughima anche gli italiani senza dimora o in situazione di gravedisagio. Decine di volontari si sono attivati per suddividere isacchetti in indumenti per gli uomini, le donne e i bambini,accogliendo i donatori senza soluzione di continuita'."Ringraziamo davvero le cinque parrocchie e tutti quelli chehanno voluto compiere questo gesto - afferma Gigi Borgiani,direttore della Fondazione Auxilium - che e' tantosignificativo non solo per il suo risultato materiale,evidentemente importante e superiore alle aspettative, ma ancheperche' esprime con forza la vocazione solidaristica dellanostra citta'. Siamo contenti anche perche', ancora una volta,la solidarieta' moltiplica i suoi effetti: avevamo lanciatoquesta raccolta per le esigenze dei profughi giunti qui inestate senza indumenti invernali e ora abbiamo disponibilita'aggiuntive anche per quegli italiani che le nostreorganizzazioni seguono quotidianamente. E' la dimostrazione -conclude - che, con il concorso di tutti, emergenza sbarchi epoverta' di casa nostra non si escludono a vicenda: la carita'e la solidarieta', per vocazione, includono". (AGI)Ge2/Sep