Concordia: Costa Crociere, consorzio con Saipem fara' smaltimento (2)

(AGI) - Roma, 30 giu. - Il progetto di smaltimento e riciclodella Concordia sara' affidato al consorzio format da Saipem,azienda a partecipazione pubblica parte del Gruppo ENI, leadernei progetti di Ingegneria e Ambiente, e San Giorgio del Porto,cantiere attivo nelle riparazioni e conversioni navali dal1928, primo cantiere in Italia ad essere iscritto all'AlboSpeciale delle Imprese di demolizione navale. Il progettoSaipem/San Giorgio del Porto per lo smantellamento e riciclodel relitto della Costa Concordia si sviluppa in quattro fasiesecutive distinte la cui durata complessiva e' prevista in 22mesi. In una prima fase

(AGI) - Roma, 30 giu. - Il progetto di smaltimento e riciclodella Concordia sara' affidato al consorzio format da Saipem,azienda a partecipazione pubblica parte del Gruppo ENI, leadernei progetti di Ingegneria e Ambiente, e San Giorgio del Porto,cantiere attivo nelle riparazioni e conversioni navali dal1928, primo cantiere in Italia ad essere iscritto all'AlboSpeciale delle Imprese di demolizione navale. Il progettoSaipem/San Giorgio del Porto per lo smantellamento e riciclodel relitto della Costa Concordia si sviluppa in quattro fasiesecutive distinte la cui durata complessiva e' prevista in 22mesi. In una prima fase saranno eseguite le operazioninecessarie per ricevere la Concordia nel Porto di GenovaVoltri, dove sara' effettuato l'alleggerimento del relittoattraverso attivita' quali la rimozione degli arredi interni edegli allestimenti dei ponti emersi. Nella seconda fase,relitto sara' trasferito dalla Diga Foranea di Voltri al MoloEx Superbacino dove verra' eseguito lo smantellamento dellestrutture dei ponti dal 14 al 2. La terza fase consistera'nell'esecuzione delle attivita' propedeutiche al trasferimentodel relitto in un Bacino di Carenaggio (il n.4), fra cui larimozione dei cassoni di rigalleggiamento e l'attivita' dipulizia delle cambuse e delle celle frigo presenti al ponte 0.Nel corso della quarta e ultima fase, saranno eseguite tutte leoperazioni da effettuare in ambiente segregato e asciuttoall'interno del Bacino di Carenaggio, fino allo smantellamentocompleto del relitto. Si procedera' alle operazioni dirimozione degli allestimenti interni, la pulizia delle aree ela demolizione finale di tutte le strutture e questa fase siconcludera' con le attivita' di gestione dei materiali,trasporto e smaltimento/recupero dei materiali di risulta.(AGI)Pgi