Amianto: Liguria chiede a governo atto di responsabilita'

(AGI) - Genova, 16 set. - "Chiediamo un atto diresponsabilita' al governo e a tutti i gruppi parlamentari peravere la certezza che l'emendamento per il riconoscimento deibenefici per i lavoratori esposti al rischio amianto diventiuna norma di legge e sani cosi', una volta per tutte, lavicenda amianto a Genova". Cosi' l'assessore al Lavoro dellaRegione Liguria, Enrico Vesco al termine dell'incontro inConsiglio regionale con una rappresentanza di lavoratori esindacati che attendono da anni il riconoscimento dei benefici."Fin dall'inizio - ha spiegato Vesco - come Regione Liguriaabbiamo seguito questa vicenda, sono stati

(AGI) - Genova, 16 set. - "Chiediamo un atto diresponsabilita' al governo e a tutti i gruppi parlamentari peravere la certezza che l'emendamento per il riconoscimento deibenefici per i lavoratori esposti al rischio amianto diventiuna norma di legge e sani cosi', una volta per tutte, lavicenda amianto a Genova". Cosi' l'assessore al Lavoro dellaRegione Liguria, Enrico Vesco al termine dell'incontro inConsiglio regionale con una rappresentanza di lavoratori esindacati che attendono da anni il riconoscimento dei benefici."Fin dall'inizio - ha spiegato Vesco - come Regione Liguriaabbiamo seguito questa vicenda, sono stati aperti molti tavolicon quattro sottosegretari e anche col ministro. E' diventatauna questione imbarazzante. Ora serve una soluzione politica,che chiami in causa il governo e i capigruppo di tutti ipartiti, sia alla Camera sia al Senato, per approvaredefinitivamente l'emendamento che, precedentemente bocciato inCommissione, restituisce le certificazioni a tutti i lavoratoriinteressati, attraverso la legge Finanziaria". Secondo Vescosolo cosi', chiedendo un atto di responsabilita' all'Esecutivoe ai gruppi parlamentari, si potra' avere la certezza che iltesto in questione diventi una norma di legge. L'emendamentoriguardarebbe circa 800 persone che, lavorando in diverseaziende liguri, sono state esposte al rischio amianto e oggichiedono di poter accedere ai benefici previdenziali previstivedendo cosi' riconosciuti i loro diritti. A conclusionedell'incontro in Consiglio regionale, e' stato assuntoall'unanimita' l'impegno di approvare in Assemblea una mozioneche preveda nel suo dispositivo una bozza di articolo di leggeche modifichi la norma nazionale vigente. La mozione dovra'stabilire la salvaguardia dei diritti acquisiti e, quindi,l'erogazione delle pensioni agli aventi diritto, fatta salva lasuccessiva rivalsa una volta che la magistratura dovessestabilire la sussistenza di un eventuale dolo. L'indagine dellamagistratura genovese, in corso da nove anni, ha infattiprovocato il blocco di tutti i provvedimenti da partedell'Inail. La mozione dovrebbe poi essere la base per unincontro con i parlamentari liguri, con i capigruppo di Camerae Senato e con il governo. La Giunta regionale investira' delproblema il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti e ilsottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giuliano DelRio. (AGI)Ge2/Sep