Fukushima: cerimonia in Campidoglio per ricordo vittime tsunami

(AGI) - Roma, 11 mar. - Una cerimonia per ricordare le vittimedel catastrofico terremoto-maremoto che nel 2011 si e'abbattuto sulla costa nord-est del Giappone, colpendo laregione del Tohoku e danneggiando la centrale nucleare diFukushima. E' quella che si tenuta oggi all'alba in piazza delCampidoglio, dove e' stato osservato un minuto di silenzio alle6,46 in punto, orario corrispondente in Europa all'ora delterremoto di quattro anni fa, per commemorare le quasiventimila persone che persero la vita: era l'11 marzo 2011quando un terremoto di magnitudo 9 provoco' uno tsunami dellavelocita' di 750 kilometri

(AGI) - Roma, 11 mar. - Una cerimonia per ricordare le vittimedel catastrofico terremoto-maremoto che nel 2011 si e'abbattuto sulla costa nord-est del Giappone, colpendo laregione del Tohoku e danneggiando la centrale nucleare diFukushima. E' quella che si tenuta oggi all'alba in piazza delCampidoglio, dove e' stato osservato un minuto di silenzio alle6,46 in punto, orario corrispondente in Europa all'ora delterremoto di quattro anni fa, per commemorare le quasiventimila persone che persero la vita: era l'11 marzo 2011quando un terremoto di magnitudo 9 provoco' uno tsunami dellavelocita' di 750 kilometri orari, con onde fino a 30 metri dialtezza. Nel giro di poche ore furono distrutte citta' evillaggi lungo 400 km di costa e due reattori di una centralenucleare nella provincia di Fukushima vennero seriamentedanneggiati da esplosioni, con conseguente dispersione diagenti contaminanti. Questa mattina in Campidoglio il sindacodi Roma Ignazio Marino ha accolto l'Ambasciatore Giapponese inItalia Kazuyoshi Umemoto, l'ambasciatore giapponese presso laSanta Sede Teruaki Nagasaki, lo stilista e testimonial dellacausa Kenzo Takada, la comunita' nipponica e i cittadini diRoma che hanno voluto rendere omaggio alle vittime dellacatastrofe. "Oggi siamo qui, nel cuore della citta' di Roma,per ricordare insieme la grande tragedia che ha colpito ilpopolo giapponese - ha dichiarato Marino - perche' le immaginidel terremoto e del maremoto del 2011 ci hanno scosso molto, maallo stesso tempo rimane impressa dentro ognuno di noi lamemoria della capacita' di reagire che il popolo giapponese hadimostrato in questa come in altre catastrofi, e la voglia ditornare alla normalita'". L'ambasciatore Kazuyoshi Umemoto haespresso il suo "cordoglio per le vittime del Grande Terremotodel Giappone orientale" e gratitudine "all'Italia che inoccasione della tragedia non ha fatto mancare la sua vicinanzae il suo sostegno al nostro popolo. Spero che le zone colpitepossano conoscere presto un deciso recupero attraverso l'avviodi relazioni commerciali con l'estero" e "auspico che questacerimonia possa infondere coraggio a tutti gli abitanti dellezone ferite dalla tragedia".(AGI)Rmh/Bru