Tpl: Santoro, "FVG modello in una realta' frastagliata"

(AGI) - Trieste, 18 mar. - "La Regione Autonoma Friuli VeneziaGiulia rappresenta oggi il 'modello' piu' avanzato nelletipologie di procedure di gara attuate dalle Regioni nelnostro Paese in tema di affidamento di trasportiautomobilistici, affermandosi con cio' quale sicuro riferimentoa livello nazionale". Lo ha dichiarato oggi a Trieste, amargine dei lavori del Consiglio regionale, l'assessore alleInfrastrutture e alla Mobilita', Mariagrazia Santoro,riferendosi alla gara di affidamento del servizio di Trasportopubblico locale (Tpl) su gomma e marittimo in Friuli VeneziaGiulia, come confermato anche da un parere dell'Autorita'Garante della Concorrenza e del Mercato.

(AGI) - Trieste, 18 mar. - "La Regione Autonoma Friuli VeneziaGiulia rappresenta oggi il 'modello' piu' avanzato nelletipologie di procedure di gara attuate dalle Regioni nelnostro Paese in tema di affidamento di trasportiautomobilistici, affermandosi con cio' quale sicuro riferimentoa livello nazionale". Lo ha dichiarato oggi a Trieste, amargine dei lavori del Consiglio regionale, l'assessore alleInfrastrutture e alla Mobilita', Mariagrazia Santoro,riferendosi alla gara di affidamento del servizio di Trasportopubblico locale (Tpl) su gomma e marittimo in Friuli VeneziaGiulia, come confermato anche da un parere dell'Autorita'Garante della Concorrenza e del Mercato. Santoro ha altresi'ricordato come proprio gli esiti dei due ricorsi presentati alTribunale amministrativo regionale - "un contenzioso prolungatoe ripetuto", ha osservato - rischiano di penalizzare propriorealta' come il Friuli Venezia Giulia che, pur allineandosialla indicazioni dell'Unione europea in termini di affidamentodei servizi di Tpl e procedendo per la seconda volta (dopo il1999) all'indizione della relativa gara, non riescono, a causadel protrarsi dei tempi per l'aggiudicazione definitiva delservizio di Tpl, ad offrire all'utenza regionale gli attesimiglioramenti qualitativi (prezzi praticati) e quantitativi deiservizi (incremento dei chilometri). Questa situazione diincertezza - ha indicato Santoro - ha indotto la Regione asegnalare la fase di contenzioso in atto alla stessa Autorita'Garante della Concorrenza e del Mercato, nonche' all'Autorita'di Regolazione dei Trasporti. In tale segnalazione e' statoanche evidenziato come, a differenza di altre realta'territoriali dove le societa' di Tpl sono in situazione diperdurante crisi finanziaria e necessitano di interventi"esterni" per essere risanate, il contesto Friuli VeneziaGiulia rappresenti invece "una realta' virtuosa, sia perche'abbiamo gia' svolto da diversi anni le gare per singoli baciniprovinciali sia perche' non si rilevano situazioni disofferenze finanziarie nei bilanci delle societa'". "Le sceltedella modalita' di gara del Friuli Venezia Giulia - ha conclusoSantoro - continuano ad andare contro il mantenimento dellostatus quo italiano, caratterizzato da una miriade di piccolisoggetti non sufficientemente strutturati e con societa' moltevolte con bilanci in deficit". (AGI) Ts2/Vic