Sanita': Lega, FVG non puo' accogliere migranti per rischio Tbc

(AGI) - Trieste, 1 lug. - "Il Friuli Venezia Giulia non puo'permettersi di accogliere neanche un profugo, clandestino omigrante per ragioni sociali, economiche, ma anche sanitarie:dobbiamo fermare l'invasione per arrestare il contagio dellatubercolosi". E' quanto sostengono i consiglieri regionalidella Lega Nord del Friuli Venezia Giulia, che hanno presentatoin proposito un'interrogazione. "Purtroppo anche in Friuli Venezia Giulia - rilevano iconsiglieri del Carroccio - si registrano annualmente numerosicasi di Tbc (una cinquantina registrati solo all'ospedale SantaMaria della Misericordia di Udine). Gli stranieri, purrappresentando una percentuale pari a circa il 10% dellapopolazione

(AGI) - Trieste, 1 lug. - "Il Friuli Venezia Giulia non puo'permettersi di accogliere neanche un profugo, clandestino omigrante per ragioni sociali, economiche, ma anche sanitarie:dobbiamo fermare l'invasione per arrestare il contagio dellatubercolosi". E' quanto sostengono i consiglieri regionalidella Lega Nord del Friuli Venezia Giulia, che hanno presentatoin proposito un'interrogazione. "Purtroppo anche in Friuli Venezia Giulia - rilevano iconsiglieri del Carroccio - si registrano annualmente numerosicasi di Tbc (una cinquantina registrati solo all'ospedale SantaMaria della Misericordia di Udine). Gli stranieri, purrappresentando una percentuale pari a circa il 10% dellapopolazione complessiva, sono i piu' colpiti dalla tubercolosi:oltre il 55% dei pazienti proviene dall'estero, in particolaredall'Africa sub sahariana e dall'Est Europa". Secondo i rappresentanti della Lega Nord, "sarebbe omertosoe intellettualmente disonesto negare che l'arrivo incontrollatodi profughi e clandestini nella nostra regione aumenta ilrischio di contagio per i nostri corregionali, in particolaregli anziani e le persone con difese immunitarie piu' basse". (AGI) Ts2/Bru