Lavoro: Fvg, in calo cuochi e giardinieri ma aumentano badanti

(AGI) - Trieste, 1 lug. - La crisi colpisce anche il mercatodel lavoro regionale degli "assistenti familiari". Dopo ilrecord (16.187) del 2012, si registra un calo, seppur lieve,per il secondo anno consecutivo: i lavoratori domestici perdono62 unità (-0,4%) dal 2013 al 2014, passando da 15.965 a 15.903.Il nuovo trend riguarda però solo il versante maschile: da unanno all?altro si contano 332 lavoratori in meno (da1.348 a1.016, -24,6%), mentre la componente femminile continua adaumentare (dal 2013 al 2014 passa da 14.617 a 14.887, unincremento di 270 unità, +1,8%). Il contesto regionaleevidenzia

(AGI) - Trieste, 1 lug. - La crisi colpisce anche il mercatodel lavoro regionale degli "assistenti familiari". Dopo ilrecord (16.187) del 2012, si registra un calo, seppur lieve,per il secondo anno consecutivo: i lavoratori domestici perdono62 unità (-0,4%) dal 2013 al 2014, passando da 15.965 a 15.903.Il nuovo trend riguarda però solo il versante maschile: da unanno all?altro si contano 332 lavoratori in meno (da1.348 a1.016, -24,6%), mentre la componente femminile continua adaumentare (dal 2013 al 2014 passa da 14.617 a 14.887, unincremento di 270 unità, +1,8%). Il contesto regionaleevidenzia così una maggiore tenuta rispetto a Nord Est (-6,4%)e Italia (-5,8%), aree in cui cala sia il dato maschile chequello femminile. La fotografia ? un'elaborazione su dati Inps? di un settore in cui non figurano solo le badanti (la grandemaggioranza, ma il contratto del lavoro domestico inquadraanche colf, baby sitter, giardinieri, cuochi e maggiordomi) èdi Chiara Cristini dell'Ires Fvg, che evidenzia anche il trendnelle quattro province del Friuli Venezia Giulia. Nel 2014 ilavoratori domestici aumentano solo a Udine (+159, pari al+2,1%), mentre scendono a Gorizia (- 4,5%), Pordenone (-3,1%) eTrieste (-0,8%). (AGI) Ts1/Bru