Fisco: Confapi Fvg, no su aumento accise per grappa

(AGI) - Udine, 15 nov. - "Sebbene la Regione non abbia potesta'normativa in materia di accise, sollecitiamo un'azione disensibilizzazione verso il governo centrale affinche' vengaposto un freno ai costanti incrementi dell'accisa che stacompromettendo il futuro delle storiche distillerie friulane".Lo scrive l'Associazione piccoli e medi imprenditori del Fvg,in una lettera all'assessore alle Attivita' produttive, SergioBolzonello. Confapi si fa interprete delle preoccupazioni deidistillatori friulani, la cui attivita' produttiva e'costantemente in calo a causa della lunga crisi economica maanche dei continui aumenti delle imposte che accrescono ilprezzo del prodotto sul mercato. "Nell'arco

(AGI) - Udine, 15 nov. - "Sebbene la Regione non abbia potesta'normativa in materia di accise, sollecitiamo un'azione disensibilizzazione verso il governo centrale affinche' vengaposto un freno ai costanti incrementi dell'accisa che stacompromettendo il futuro delle storiche distillerie friulane".Lo scrive l'Associazione piccoli e medi imprenditori del Fvg,in una lettera all'assessore alle Attivita' produttive, SergioBolzonello. Confapi si fa interprete delle preoccupazioni deidistillatori friulani, la cui attivita' produttiva e'costantemente in calo a causa della lunga crisi economica maanche dei continui aumenti delle imposte che accrescono ilprezzo del prodotto sul mercato. "Nell'arco di poco piu' di unanno - scrive Confapi Fvg - sono stati decretati tre aumenti:uno nell'ottobre 2013 e i successivi nel gennaio e nel marzo2014, e il primo gennaio 2015 ne entrera' in vigore un quarto.In questo breve lasso di tempo l'accisa e' salita da circa 800a oltre 935 euro per ettanidro (equivalente a 100 litri dialcool a 100 gradi), ossia di quasi il 16,9%, a cui in sedenazionale corrisponde una diminuzione delle vendite di quasi il12,9%". All'aumento dell'imposta di fabbricazione si precisa -corrisponde anche un minor gettito per l'erario con danno perle entrate dello Stato, che da circa 511 milioni del 2013 siattesteranno a consuntivo del 2014 a circa 500 milioni. "Ilcaso della grappa non e' diverso - conclude Confapi Fvg - Se siproseguira' con questo trend, l'incidenza dell'imposta difabbricazione sul prezzo di consumo gia' per una grappa difascia media superera' il costo industriale, con la conseguenzadi emarginare il distillato sul mercato, senza che le cassedello Stato ne traggano beneficio. Ma quel che e' peggioconclude la lettera - e che un altro segmento dell'economiaregionale e della stessa storia e cultura friulana andra'gradatamente a dissolversi, nonostante i tanti formaliriconoscimenti ed elogi che alla grappa friulana vengonotributati". (AGI)Ts1/Vic