Economia: Serracchiani, "Per Isontino e' ora delle scelte"

(AGI) - Gorizia, 23 feb. - "Mi pare che il territorio abbiacompiuto un buon lavoro mettendo insieme, finalmente a sistema,una serie di proposte. Adesso bisogna scegliere e darsi dellepriorita'". Lo ha detto la presidente del Friuli Venezia Giulia DeboraSerracchiani, che ha partecipato oggi, nella sede della Cameradi commercio di Gorizia, alla presentazione delle lineestrategiche elaborate da tutti i soggetti istituzionali edeconomici dell'Isontino per arrivare a un vero e proprio Pattodel territorio con l'obiettivo di rilanciarne lo sviluppo el'attrattivita'. Alla riunione, promossa dal presidente della Camera dicommercio Gianluca Madriz, hanno partecipato

(AGI) - Gorizia, 23 feb. - "Mi pare che il territorio abbiacompiuto un buon lavoro mettendo insieme, finalmente a sistema,una serie di proposte. Adesso bisogna scegliere e darsi dellepriorita'". Lo ha detto la presidente del Friuli Venezia Giulia DeboraSerracchiani, che ha partecipato oggi, nella sede della Cameradi commercio di Gorizia, alla presentazione delle lineestrategiche elaborate da tutti i soggetti istituzionali edeconomici dell'Isontino per arrivare a un vero e proprio Pattodel territorio con l'obiettivo di rilanciarne lo sviluppo el'attrattivita'. Alla riunione, promossa dal presidente della Camera dicommercio Gianluca Madriz, hanno partecipato sindaci eamministratori locali, rappresentanti delle istituzioni,parlamentari eletti nel collegio e consiglieri regionali dellaprovincia, sindacati e associazioni imprenditoriali.Serracchiani era affiancata dall'assessore regionale al Lavoroe alla Formazione, Loredana Panariti. "Per l'Isontino - ha osservato la presidente regionale - ilproblema non e' oggi quello di costruire infrastrutture,perche' con la Villesse-Gorizia e con altri investimenti sisono poste le condizioni affinche' possa uscire dallacondizione di marginalita'. Il problema, adesso, e' rendereattrattivo il territorio, puntando sulla promozione". Tra le priorita' su cui la presidente si e' soffermata nelsuo intervento conclusivo c'e' il settore dell'avionica,sfruttando competenze e infrastrutture che ci sono fra Ronchidei Legionari e Gorizia (aeroporto Duca d'Aosta), e laportualita', che ha il suo perno nello scalo marittimo diMonfalcone. A questo proposito la presidente ha espresso lapreoccupazione che la procedura di Via (Valutazione di impattoambientale) percostruire un mini-rigassificatore in areaportuale, cosi' come proposto da alcuni imprenditori privati,possa creare interferenze e provocare cosi' ritardi nell'avviodei lavori di dragaggio dei fondali del porto. Nel corso della discussione e' emerso da piu' parti il temadella riforma degli Enti locali. "Con le Unioni territoriali -ha spiegato Serracchiani - non vengono create dellemini-Province. Si fa invece un'operazione inversa, si parte daiComuni, che sono chiamati a mettere insieme competenze erisorse per assicurare quei servizi ai cittadini che i sindaci,da soli, non riescono piu' a garantire in modo efficiente. LeProvince - ha concluso - avevano tutt'altre competenze esistemi di gestione". (AGI) Ts2/Bru