Terremoto: svuotati 40% Map; 1400 persone in moduli provvisori

(AGI) ? Bologna, 13 mar. - In Emilia Romagna, al momento, èstato svuotato il 40 per cento dei moduli provvisori abitativi(Map) allestiti per fronteggiare l'emergenza casa seguita alterremoto del maggio 2012. Ad oggi sono ancora occupati 453Map, e vi abitano circa 1.400 persone. Numeri che ?varianosettimanalmente ? spiega la regione Emilia Romagna - grazie alcostante impegno degli uffici comunali alla ricerca di altresoluzioni abitative?. Inoltre è confermato l'impegno per iltotale smantellamento dei moduli entro la fine dell'anno.?Stiamo rispettando in pieno la tabella di marcia ? ha dettol'assessore regionale alla Ricostruzione

(AGI) ? Bologna, 13 mar. - In Emilia Romagna, al momento, èstato svuotato il 40 per cento dei moduli provvisori abitativi(Map) allestiti per fronteggiare l'emergenza casa seguita alterremoto del maggio 2012. Ad oggi sono ancora occupati 453Map, e vi abitano circa 1.400 persone. Numeri che ?varianosettimanalmente ? spiega la regione Emilia Romagna - grazie alcostante impegno degli uffici comunali alla ricerca di altresoluzioni abitative?. Inoltre è confermato l'impegno per iltotale smantellamento dei moduli entro la fine dell'anno.?Stiamo rispettando in pieno la tabella di marcia ? ha dettol'assessore regionale alla Ricostruzione post sisma, PalmaCosti - in pieno accordo e collaborazione con i Comuni, cheprevede il totale smantellamento dei moduli entro il 2015?. Complessivamente i moduli urbani realizzati sono stati 757,distribuiti in 7 comuni (Cavezzo, Concordia, Mirandola, Novi,San Possidonio, San Felice nel Modenese e Cento nel Ferrarese)dove il sisma ha provocato i danni maggiori e la disponibilitàdi case era insufficiente a fronteggiare l?emergenza. Intanto, è partita dal municipio di Mirandola perconcludersi a Novi di Modena la visita odierna di ElisabettaGualmini (vicepresidente della Regione e assessore allePolitiche di welfare) e Palma Costi (assessore allaRicostruzione post sisma) con i sindaci del cratere. Al centrodell'iniziativa i Map e una serie di strutture per anziani edisabili gestite dall?Asp Comuni modenesi Area Nord. E' stato poi il welfare , il tema prioritario dell?incontroin Comune a Mirandola: il sindaco Maino Benatti, Luca Prandini(primo cittadino di Concordia) e Alberto Silvestri (sindaco diSan Felice e presidente dell?Unione Area Nord) hanno illustratola situazione socio-assistenziale e i progetti in corso, conparticolare attenzione al welfare di comunità e ad esperienzedi welfare aziendale. ?Occorre potenziare - ha sottolineatoGualmini - gli interventi su infanzia e adolescenza. Persostenere quest?impostazione, ho aumentato le risorse inbilancio per quest?anno?. A Mirandola sta proseguendo lo smontaggio di una settantinadi moduli abitativi provvisori, distribuiti tra il quartiere 29Maggio e il quartiere Mazzone-Giolitti. Per le famiglie ancoraospitate in queste aree si stanno individuando diversesoluzioni: dall?assegnazione di un alloggio pubblico una voltaconclusi i lavori di ripristino dell?agibilità degli stabili,gravemente compromessi con il sisma, all?individuazione di unalloggio di proprietà privata disponibile per l?affitto, per ilperiodo necessario al rientro nell?abitazione abitata almomento del sisma. (AGI)Bo1/Bru