Sicurezza: Polfer Bologna intensifica controlli treni e stazioni

(AGI) - Bologna, 23 ago. - In concomitanza con il primo controesodo estivo, la P...

Sicurezza: Polfer Bologna intensifica controlli treni e stazioni
  Polfer polizia ferroviaria

(AGI) - Bologna, 23 ago. - In concomitanza con il primo controesodo estivo, la Polizia di Stato in servizio presso il Compartimento Polizia Ferroviaria per l'Emilia Romagna ha intensificato i servizi di prevenzione e repressione dei reati sia a bordo dei treni che negli impianti ferroviari del territorio regionale. Sono state oltre 650 le persone identificate, di cui 251 con precedenti di polizia; 22 i soggetti sanzionati ai sensi del regolamento di Polizia Ferroviaria e del Codice della strada; 16 i treni scortati.
Nel corso del fine settimana sono state deferite all'autorita' giudiziaria in stato di liberta' 17 persone responsabili di varie tipologie di reati, tra cui danneggiamento, molestie, violazione delle norme sul soggiorno e truffa in concorso, quest'ultima a carico di due cittadini italiani di 59 e 54 anni i quali, tramite falsi annunci inseriti su noti siti di settore, proponevano in affitto inesistenti appartamenti sulla riviera romagnola. A seguito delle denunce sporte dai truffati, gli agenti della Polizia Ferroviaria, al termine di una serie di accertamenti, sono riusciti ad identificarli. Sempre nel corso del fine settimana anche una storia a lieto fine: una mamma, che viaggiava insieme alla figlia di 10 anni, durante la sosta del treno nella stazione di Bologna Centrale e' scesa per acquistare una bottiglietta d'acqua, ma il convoglio e' ripartito mentre la donna era ancora in fila alla cassa del bar.
Le urla della signora, che ha visto ripartire il treno con la bambina a bordo, hanno richiamano l'attenzione di una pattuglia di agenti della Polfer che hanno contattato immediatamente il capo treno e richiesto una fermata straordinaria del convoglio nella stazione di Castelfranco Emilia, dove poi una pattuglia ha preso in consegna la bambina e recuperato i bagagli, per poi fare ritorno a Bologna. Mamma e figlia sono state quindi accompagnate ad un successivo convoglio dagli agenti, consentendo loro di proseguire il loro viaggio senza ulteriori problemi. (AGI)
Vic