Richetti rinuncia a primarie Pd in Emilia, indagato per peculato

(AGI) - Bologna, 9 set. - Il deputato Pd, Matteo Richetti cheproprio nelle ultime ore ha rinunciato alla corsa per leprimarie del centrosinistra in Emilia Romagna, risulta indagatoper peculato nell'ambito dell'inchiesta della Procura diBologna sui costi della politica dell'assemblea legislativadell'Emilia Romagna. A confermare l'iscrizione e' statol'avvocato Gino Bottiglioni, legale del parlamentare, chequesta mattina ha chiesto di conoscere la posizione del suoassistito (presidente dell'assemblea legislativa dell'EmiliaRomagna dal maggio 2010 al dicembre 2012) presso la Procura delcapoluogo emiliano. La maxi inchiesta sulle cosiddette 'spesepazze' potrebbe concludersi dopo le primarie del 28

(AGI) - Bologna, 9 set. - Il deputato Pd, Matteo Richetti cheproprio nelle ultime ore ha rinunciato alla corsa per leprimarie del centrosinistra in Emilia Romagna, risulta indagatoper peculato nell'ambito dell'inchiesta della Procura diBologna sui costi della politica dell'assemblea legislativadell'Emilia Romagna. A confermare l'iscrizione e' statol'avvocato Gino Bottiglioni, legale del parlamentare, chequesta mattina ha chiesto di conoscere la posizione del suoassistito (presidente dell'assemblea legislativa dell'EmiliaRomagna dal maggio 2010 al dicembre 2012) presso la Procura delcapoluogo emiliano. La maxi inchiesta sulle cosiddette 'spesepazze' potrebbe concludersi dopo le primarie del 28 settembreprossimo. "La scelta di ritirarsi dalle primarie - ha precisatol'avvocato Bottiglioni - prescinde dall'esistenzadell'iscrizione sul registro degli indagati. E' stata, da partedi Richetti, una valutazione politica. Apprendiamodell'iscrizione - ha concluso il legale - con serenita'". (AGI). Bo1/ari