Occupazioni: sindaco Bologna, non abbandonare chi e'in difficolta'

(AGI) - Bologna, 20 ott. - "Per noi e' importante nonabbandonare chi e' in difficolta' come ci viene anche richiestodal Tribunale dei Minori. Voglio ringraziare il lavorodell'assessore Amelia Frascaroli e degli operatori che in unagiornata cosi' difficile hanno lavorato affinche' tutte lefamiglie con minori avessero una sistemazione, cosa che siamoin grado di garantire": cosi' il sindaco di Bologna, VirginioMerola, al termine della lunga giornata -iniziata alle 7 diquesta mattina - dello sgombero nella palazzzina di viaFioravanti, ex sede Telecom, dove dal dicembre 2014 avevanotrovato un tetto un'ottantina di famiglie con

(AGI) - Bologna, 20 ott. - "Per noi e' importante nonabbandonare chi e' in difficolta' come ci viene anche richiestodal Tribunale dei Minori. Voglio ringraziare il lavorodell'assessore Amelia Frascaroli e degli operatori che in unagiornata cosi' difficile hanno lavorato affinche' tutte lefamiglie con minori avessero una sistemazione, cosa che siamoin grado di garantire": cosi' il sindaco di Bologna, VirginioMerola, al termine della lunga giornata -iniziata alle 7 diquesta mattina - dello sgombero nella palazzzina di viaFioravanti, ex sede Telecom, dove dal dicembre 2014 avevanotrovato un tetto un'ottantina di famiglie con numerosi minori."Lo sgombero iniziato questa mattina, richiesto dalla Procuradella Repubblica ed eseguito dalla Questura di Bologna- haaggiunto il sindaco - ha visto l'Amministrazione comunaleimpegnata con i servizi sociali con l'obiettivo che lefamiglie, i minori e le persone in fragilita' potessero trovareuna soluzione abitativa temporanea gia' da questa sera". Lasituazione, che ha visto momenti di forte tensione in mattinatatra forze dell'ordine e attivisti giunti sul posto a sostegnodegli occupanti (saliti questi ultimi anche sul tetto), si e'sbloccata a meta' pomeriggio quando dallo stabile - dopo unatrattativa durata ore con i servizi sociali - sono uscite leprime donne con i bambini, che si trovano al primo piano dellostabile. Dentro alla palazzina, oltre alle donne e ai minori,c'erano anche numerosi giovani: secondo una prima stima delleforze dell'ordine (anche se non vengono forniti al momentonumeri ufficiali sugli occupanti) oltre 100/120 persone intotale, di cui 20/25 tra bambini e ragazzini. All'esterno dellastruttura, nel corso della giornata, si erano radunate fino a200 persone, anche se il numero e' stato molto fluido. Gliultimi occupanti stanno uscendo ora: lo sgombero era iniziatoattorno alle 7 di questa mattina, presenti in forza sul postole forze dell'ordine, polizia e carabinieri. Appena svuotata lapalazzina, che sara' posto sotto sequestro, sara' sigillatadalla proprieta'. (AGI)Ari