Idrocarburi: Confindustria E. Romagna, settore trainante

(AGI) - Bologna, 18 mar. - "Con circa 20.000 persone occupatee' uno dei settori trainanti dell'economia regionale, anche intermini di fee pagati alle casse regionali e alle casenazionali": cosi' il Presidente di Confindustria EmiliaRomagna, Maurizio Marchesini, al workshop sul tema "territorioe Idrocarburi: l' Emilia Romagna" che ha riunito per la primaattorno a un tavolo istituzioni, universita' e imprese, perdiscutere un tema sviluppato negli ultimi due anni daAssomineraria e Rie (Ricerche industriali ed energetiche) sullacoesistenza tra idrocarburi e agricoltura, pesca e turismo sulterritorio. Un'ottima occasione, ha proseguito Marchesini, perfare chiarezza.

(AGI) - Bologna, 18 mar. - "Con circa 20.000 persone occupatee' uno dei settori trainanti dell'economia regionale, anche intermini di fee pagati alle casse regionali e alle casenazionali": cosi' il Presidente di Confindustria EmiliaRomagna, Maurizio Marchesini, al workshop sul tema "territorioe Idrocarburi: l' Emilia Romagna" che ha riunito per la primaattorno a un tavolo istituzioni, universita' e imprese, perdiscutere un tema sviluppato negli ultimi due anni daAssomineraria e Rie (Ricerche industriali ed energetiche) sullacoesistenza tra idrocarburi e agricoltura, pesca e turismo sulterritorio. Un'ottima occasione, ha proseguito Marchesini, perfare chiarezza. "Purtroppo stiamo vivendo un momento abbastanzabuio- ha spiegato il Presidente di Confindustria Emilia Romagna- in seguito al terremoto si sono scatenate delle paure diorigine quasi atavica. Anche se e' stato dimostrato ampiamentesia su base scientifica che su base sperimentale che non c'e'alcuna connessione tra il prelievo di idrocarburi e ilterremoto, purtroppo siamo in una situazione che ancora tienebloccata la ricerca di nuovi pozzi nella nostra Regione. Questa- ha proseguito- e' una situazione che va in qualche modosistemata il piu'presto possibile". Per Marchesini, il "bloccova superato, sulla base delle ricerche scientifiche che sonostate fatte e delle evidenze scientifiche che sono statedimostrate con le sperimentazioni del Cavone", queste ultimeriferite al territorio di Mirandola dove e' stato insediato uninnovativo laboratorio di monitoraggio. (AGI)Ari