Giustizia: procuratore Bologna, 'processo deve essere breve'

(AGI) - Bologna, 27 lug. - "Il processo non puo' essere la pena" e per questo de...

(AGI) - Bologna, 27 lug. - "Il processo non puo' essere la pena" e per questo deve svolgersi in tempi rapidi: questo uno dei punti sottolineati dal nuovo procuratore capo di Bologna, Giuseppe Amato, durante la cerimonia del suo insediamento tenuta nell'aula della Corte di assise del tribunale. "Il processo - ha sottolineato il nuovo procuratore - deve avere uno svolgimento compatibile con la sua oggettiva complessita' ma non puo' diventare un arco temporale che contrasta tutti i principi costituzionali".
Amato che arriva nel capoluogo emiliano dopo aver guidato la Procura di Trento, e' stato salutato dal presidente della Corte di appello, Giuseppe Colonna e dal procuratore generale Ignazio De Francisci. A passare il 'testimone' il procuratore aggiunto di Bologna Massimiliano Serpi che ha evidenziato le problematiche dell'ufficio relative alla carenza di pm e di personale amministrativo. "Le soluzioni - ha detto Amato a tal proposito - dovranno passare attraverso un ampliamento dell'organico dei colleghi e del personale amministrativo senza il quale potremo fare tutti gli sforzi del mondo ma non saremo in grado di fare i processi". (AGI)
Bo1/Bru