Truffe: Gdf sequestra beni per oltre 2 mln nel Cosentino

(AGI) - Cosenza, 31 mag. - Beni per oltre 2 milioni di euro sono stati sequestra...

(AGI) - Cosenza, 31 mag. - Beni per oltre 2 milioni di euro sono stati sequestrati dagli uomini della Guardia di Finanza di Sibari (Cs) che hanno eseguito 242 decreti emessi dal Tribunale di Castrovillari (CS), su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di altrettante persone indagate in quanto indebitamente beneficiarie di indennita' di accompagnamento e indennita' previdenziali ed assistenziali. La misura cautelare, rapportata all'indebito beneficio economico ottenuto, il cui valore ammonta ad oltre 2,1 milioni di euro, ha riguardato beni mobili, immobili, disponibilita' finanziarie e quote societarie nella disponibilita' degli indagati. Si tratta, in particolare di 120 terreni, 83 unita' abitative, 2 locali commerciali, 101 autovetture, 13 motoveicoli.
Le Fiamme Gialle, gia' nel mese di ottobre 2015, nell'ambito dell'operazione denominata "Easy Allowance", avevano eseguito 11 misure cautelari personali nei confronti di persone che avevano percepito o consentito a terzi di percepire indebitamente le indennita' pensionistiche, previdenziali ed assistenziali erogate dall'Inps di Castrovillari (CS) e dall'Inail di Napoli. Dagli accertamenti sulla truffa ai danni dell'istituto di previdenza, relativi a 615 pratiche di pensione illegittime, sarebbe emersa l'attribuzione fittizia, ai beneficiari indebiti, della qualita' di erede dell'avente diritto attraverso l'impiego di atti falsificati. In tutti i casi accertati, l'indebita erogazione delle indennita' sarebbe stata ottenuta attraverso l'inserimento dei dati nel sistema telematico dell'Inps avvenuto con l'utilizzo della matricola di accesso dell'indagato principale, gia' responsabile dell'ufficio liquidazioni dello stesso ente pubblico, arrestato dagli inquirenti.
Le condotte truffaldine risulterebbero tutte precedute dalla falsificazione della documentazione attestante i requisiti richiesti, rilevata a seguito di accertamenti condotti dai finanzieri negli uffici anagrafe dei comuni interessati; i distretti sanitari competenti e vari studi notarili Con riferimento, invece, alle truffe scoperte ai danni dell'Inail, relative alle indennita' percepite da 22 operatori marittim, anagraficamente inesistenti, la maggior parte di esse e' stata eseguita tramite la diretta immissione dei relativi dati nel sistema informatico dell'Istituto, in assenza di documentazione giustificativa. Si tratta di falsi certificati medici, falsi documenti d'identita', ed estremi di conti correnti bancari on line, accesi tramite promotori finanziari autorizzati e riferiti a soggetti anagraficamente inesistenti, per la cui accensione sono stati utilizzati falsi documenti di identita'. (AGI)

.