Terremoto: processo a Bertolaso, giudice in camera di consiglio

(AGI) - L'Aquila, 30 set. - Si e' ritirato in camera di consiglio intorno a mezz...

(AGI) - L'Aquila, 30 set. - Si e' ritirato in camera di consiglio intorno a mezzogiorno il giudice monocratico del Tribunale dell'Aquila Giuseppe Grieco che dovra' decidere le sorti di Guido Bertolaso. L'ex capo del Dipartimento della Protezione civile nazionale e' accusato di omicidio colposo plurimo e lesioni nell'ambito del processo denominato "grandi rischi bis". L'accusa, nell'udienza dello scorso 27 settembre, aveva chiesto la condanna a tre anni di reclusione. Bertolaso e' ritenuto l'ispiratore della riunione dell'ex Commissione Grandi Rischi che si riuni' a L'Aquila il 31 marzo 2009 con l'obiettivo di rassicurare gli aquilani sull'ipotesi di una forte scossa che, purtroppo, si verifico' 5 giorni dopo, nella notte del 6 aprile, provocando 309 morti e piu' di 1700 feriti. All'ex capo della Protezione civile viene contestato di aver organizzato una "operazione mediatica perche' vogliamo rassicurare la gente", come disse in una intercettazione telefonica con l'allora assessore regionale alla Protezione civile Daniela Stati. E Fu proprio a seguito di quella telefonata che si riuni' a L'Aquila, in prefettura, la Commissione di esperti (ne erano presenti sette) organo consultivo della presidenza del Consiglio dei ministri, processati a loro volta e condannati in primo grado a sei anni di reclusione ma successivamente assolti in Appello e poi in Cassazione ad eccezione dell'ex numero 2 di Bertolaso, Bernardo De Bernardinis condannato in via definitiva a due anni di reclusione (pena sospesa). Per i giudici di secondo grado e per quelli della Suprema Corte sarebbe stato il solo De Bernardinis, in una intervista televisiva, a rassicurare gli aquilani. Il giudice Grieco non ha dato indicazioni sulla durata della camera di consiglio. (AGI)
Ett