TERREMOTO: LA 'CATTOLICA' DONA LA NUOVA CURIA AQUILANA (2)

(AGI) - L'Aquila, 21 gen. - L'Universita' Cattolica hapartecipato dal primo momento ad alleviare le difficolta' dellepopolazioni colpite innanzitutto con le strutture sanitarie diCelano e Fontecchio, che si trovano nell'area del cratere,mettendole completamente a disposizione delle istituzioni e deicittadini e rinforzando le strutture con mezzi e personale delPoliclinico Gemelli; ma anche con gli interventi della Facolta'di Scienze della Formazione della Sede di Milano, che hainviato personale specializzato per assistere in particolare ibambini, o grazie ai campi estivi organizzati dagli studentidella Sede di Brescia. "Ancora una volta la nostra Universita'ha

(AGI) - L'Aquila, 21 gen. - L'Universita' Cattolica hapartecipato dal primo momento ad alleviare le difficolta' dellepopolazioni colpite innanzitutto con le strutture sanitarie diCelano e Fontecchio, che si trovano nell'area del cratere,mettendole completamente a disposizione delle istituzioni e deicittadini e rinforzando le strutture con mezzi e personale delPoliclinico Gemelli; ma anche con gli interventi della Facolta'di Scienze della Formazione della Sede di Milano, che hainviato personale specializzato per assistere in particolare ibambini, o grazie ai campi estivi organizzati dagli studentidella Sede di Brescia. "Ancora una volta la nostra Universita'ha portato un aiuto fattivo e generoso alla popolazioneitaliana colpita da grandi calamita' - ha detto il DirettoreAmministrativo della Cattolica, Antonio Cicchetti - comeavvenne in Irpinia nel 1980 e, piu' di recente, nel vicinoMolise nell'ottobre 2002, con la costruzione della Scuolaelementare di Bonefro, donata nel febbraio 2003, realizzataanche in quella occasione con il contributo dei dipendenti,docenti e non docenti dell'Universita' Cattolica. Esprimopertanto - ha proseguito Cicchetti - anche come aquilano, unringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato allarealizzazione di quest'opera, punto di riferimento sicuro,seppure provvisorio, per la Chiesa aquilana e per il suoArcivescovo. Questa iniziativa rappresenta un gesto disolidarieta', ma anche un simbolo della rinascita della citta'di L'Aquila". Per Molinari "non e' stato facile essere vicinialla gente stando in un dolce esilio. La donazione dellaresidenza vescovile - ha detto Molinari - si inserisce nelgrande dono di solidarieta' nei riguardi non solo del vescovoma dell'intera Diocesi. E' bene ricordare - ha concluso ilvescovo metropolita dell'Aquila - che si e' trattata di unadonazione dell'Universita' Cattolica, nessun euro della Curiae' stato sottratto". Fino a qualche giorno fa il vescovodell'Aquila era stato ospite nell'eremo di San Francesco pressole suore del Santo Volto a Carsoli. Prima ancora Molinari neigiorni immediatamente successivi il terremoto aveva trovatoriparo in una tenda allestita dagli scout nel quartiere diPettino, a poca distanza dall'abitazione di un suo parente.(AGI) Cli/Ett